Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 1480

Parte Visioninmusica Summer nell’Anfiteatro Romano di Terni. Dal jazz di Rodriguez al basso di Kinga Glyk

Parte Visioninmusica Summer nell’Anfiteatro Romano di Terni. Dal jazz di Rodriguez al basso di Kinga Glyk
(PRIMAPRESS) - TERNI - Si apre questa sera 29 giugno, Visioninmusica Summer all'Anfiteatro Romano di Terni. Sarà il trio del pianista cubano, candidato al Grammy, Alfredo Rodriguez, che nonostante la sua giovane età si è già esibito sui palcoscenici del jazz mondiale, dal Newport Jazz Festival al North Sea Jazz Festival, passando per Jazz in Marciac, fino a Umbria Jazz e Jazz à Vienne. Artista dallo stile pianistico che ricorda straordinaripianisti jazz come Keith Jarret, Thelonious Monk e Art Tatum, Insieme a lui suoneranno Michael Olivera alla batteria e YarelHernandez al basso. Il 30 giugno, salirà sul palco di Visioninmusica Kinga Głyk, una bassiste della nuova generazione che presenterà Feelings. La Glyk è un talento straordinario che percuote e pizzica le corde del suo basso generando un sound unico, intenso ed evocativo.
Nella classifica denominata Jazz Top e Blues Top ha ricevuto nomination nelle seguenti categorie: New Hope, Bass Guitar e Discovery of the Year. L'artista sarà accompagnata da Arek Grygoe Michal Jakubczak alle tastiere e Michał Dąbrówka alla batteria. Aprirà il concerto di Kinga Glyk (ore 21) la band di sei musicisti capitanata da Calla Mc, personaggio centrale della scena hip hop italiana e pioniere di questo genere musicale in Italia, in un progetto che mescola le radici del cantato rap integrandole a un sound tipicamente jazz/funk. Il 1° luglio l’evento conclusivo di Visioninmusica Summer Edition 2022,vedrà  il concerto del chitarrista Paul Gilbert, menzionato da Guitar World tra i 50 chitarristi più veloci di tutti i tempi. Gilbert ha scelto di suonare una selezione del suo miglior repertorio insieme a due musicisti italiani: Marco Galiero e Antonio Muto. Insieme a loro anche Emi Gilbert, sua moglie, alle tastiere. Anche per il giorno conclusivo della rassegna, il programma offrirà un opening (ore 21) con il bassista Antonio Lusi, con il suo ultimo progetto "Combination", ripercorrerà le tappe del suo viaggio musicale, fatto di collaborazioni con grandi nomi del panorama artistico italiano e internazionale, insieme a Valter Vincenti alle chitarre, Riccardo Ciaramellari alle tastiere e Gabriele Tudisco alla batteria - (PRIMAPRESS)