Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

La seconda vita del Piper Club ricomincia dai Pink Floyd per celebrare i loro 50 anni

La seconda vita del Piper Club ricomincia dai Pink Floyd per celebrare i loro 50 anni
(PRIMAPRESS) - ROMA Il rischio che lo storico locale che aveva tenuto a battesimo una giovanissima Patty Pravo e una lunga lista di cantanti e gruppi musicale che hanno reso indimenticabili gli anni ’60, era veramente grande. Invece, il Piper Club è salvo. Scongiurata qualsiasi ipotesi di chiusura, festeggia il 19 aprile 2018 con una serata omaggio ai 50 anni dei Pink Floyd, che nel 1968 tennero 4 indimenticabili concerti tra le storiche mura del locale di Via Tagliamento, oggi felicemente restituito alla città.Un evento unico, un concerto e una mostra sui PINK FLOYD per ricordare i loro primi spettacoli a Roma al Piper Club il 18 e 19 aprile 1968.Quattro illustri sconosciuti, Roger Waters, Rick Wright e Nick Mason, con la strana eleganza di David Gilmour a riempire un po' l'assenza di Syd Barrett - il cui pazzo splendore era ormai tristemente deflagrato, conquistano un giovane pubblico in piedi, quasi inconsapevole dell'accadimento e tuttavia elettricamente coinvolto: orbitando tra le sonorità e i chiaroscuri concertati da cinque eccezionali musicisti, 50 anni dopo sullo stesso palco e con l'aiuto dei Lunatics si rinnovano le atmosfere rarefatte e le visioni che caratterizzarono la storica esibizione al Piper Club, per un concerto dal sound aggressivo e vitale.  I Pink Floyd in più occasioni hanno ricordato il Piper Club. Il 19 aprile del 2016 sulla loro pagina facebook hanno definito il club: "quello strano locale che si trovava in una grotta con una lunga scala per accedervi”. Pochi mesi fa Rogers Waters durante la conferenza stampa della mostra 'The Pink Floyd Exhibition' ha detto a tutti i giornalisti presenti: "noi suonammo al Piper Club a pochi metri da qui". A riproporre le hit dei Pink Floyd sul palco del Piper il 19 aprile 2018 saranno Eugene&The Pink Floyd Sound: Giacomo Anselmi (chitarre, voce), Giovanni Di Caprio (chitarre), Fabio Fraschini (basso), Giovanni Gregori (batteria), capitanati da Eugenio Valente aka Eugene (voce, tastiere). Personaggio in vista della scena musicale italiana, eclettico compositore e cantante, artista elettronico - sperimentale - pop avantgarde, nonché produttore, Eugene nel 2009, lavora presso i famosi Britannia Row Studios nel ruolo di turnista alle tastiere, avendo così l’opportunità di utilizzare alcuni degli strumenti con cui gli stessi Pink Floyd suonarono al tempo, compreso un organo appartenuto a Rick Wright. Numerosi i suoi live set europei, affiancati da recenti produzioni americane a livello di colonne sonore ed EP. Collabora da alcuni anni con il pioniere americano della video arte Gary Hill a progetti audio e video, con il comune denominatore dei sintetizzatori analogici. Fra gli altri membri, è nota l’appartenenza di Giacomo Anselmi alla band di culto Goblin Rebirth, insieme con i membri originali Fabio Pignatelli e Agostino Marangolo. Giovanni Di Caprio ha preso parte a numerose tourné internazionali al seguito di artisti italiani e partecipato alla realizzazione di colonne sonore per fiction e film in collaborazione con Fabio Frizzi. La qualità dell’esecuzione del gruppo è testimoniata anche da tanti piccoli aneddoti, come quello di quando la radio tedesca L- Radio, ascoltando dei vecchi MP3 di loro registrazioni live, le scambiò per bootleg originali dei Pink Floyd tanto erano sì perfetti, ma anche lisergici, colorati e potenti senza però risultare affettati nel tentativo della riproduzione fedele puramente tecnica, a scapito dell’estro personale di ciascun musicista.Insieme al live anche la mostra a cura de THE LUNATICS, associazione che raggruppa alcuni tra i più famosi collezionisti italiani dei Pink Floyd. Ideato come club nel 2001 da Mr. Pinky, alias Stefano Tarquini, per un continuo scambio di informazioni dettagliate e approfondite sulla discografia, il gruppo è stato potenziato nel 2007 con l'ingresso di amici collezionisti, i Lunatics Riccardo Verani e Stefano Girolami, avendo come altro scopo quello di far conoscere meglio il mondo del vinile a tutti i fans della band.  - (PRIMAPRESS)