Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

La Rua da oggi il nuovo EP “Nessuno Segna Da Solo”

La Rua da oggi il nuovo EP “Nessuno Segna Da Solo”
(PRIMAPRESS) - la rua nessuno segna da solo(MILANO) - Esce oggi su tutte le piattaforme digitali il nuovo EP che segna il ritorno dei La Rua “Nessuno segna da solo” per Universal Music. Tutti i brani di questo EP nascono dalla scintilla di tante pagine di musica e parole di Daniele Incicco, frontman dei La Rua, alle quali si sono impeccabilmente aggiunti la penna e il carattere di Dario Faini, che ne hanno completato la scrittura facendo diventare il tutto una cosa sola. Per la prima volta, poi, il binomio vincente Incicco-Faini si arricchisce del talento di Alessandro Raina, aggiungendo così un valore essenziale ai testi e all’intero progetto. Quste le parole di Daniele Incicco: “Insieme a Dario Faini abbiamo fatto un grande lavoro di oltre un anno, con il continuo obiettivo di raffinare l’immaginario poetico e di permettere agli ascoltatori di vivere comodi in un mondo musicale vicino al loro. Tutti noi La Rua, nessuno escluso, abbiamo lavorato in produzione costruendo una vera e propria factory, dove ogni componente della band ha contribuito alla realizzazione di questo lavoro nato da molte mani, ma unito sotto un’unica bandiera: la nostra.”  Molto eloquente è infatti la tematica del “collettivo”, presente fin dal titolo di un EP che mette in primo piano la forte unione tra i membri della band, rimarcando l’essenzialità di una squadra di lavoro. I La Rua negli anni sono sempre rimasti compatti, dedicandosi incessantemente ad esprimere la propria idea artistica. Con questo ultimo progetto, la band trova finalmente il suo baricentro nella fusione tra nu-folk e tutto l’immaginario pop odierno. Nel mondo dei La Rua vivono parallelamente le atmosfere mediterranee contaminate dal calore delle corde del banjo, dalla contemporaneità dei tamburi e dalla ricerca di un suono internazionale che guarda al futuro. - (PRIMAPRESS)