Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Sanremo: Francesco Gabbani, «Ricomincio da tre»

(PRIMAPRESS) - SAN REMO -Francesco Gabbani...ricomincia da tre al Festival di Sanremo. Dopo le due vittorie, questa è la sua terza partecipazione
Torni al Festival dopo 2 vittorie con il brano “Viceversa”.  Raccontami il brano.
Viceversa è una canzone che sono felice di portare al Festival di Sanremo. Ho deciso di provare a partecipare al Festival a settembre 2019 quando ho scritto questa canzone che sinceramente sento molto a livello emotivo.
Mi presenterò  sul palco dell’Ariston in un modo molto semplice cantando la mia canzone senza sovrastrutture perchè vorrei mostrare un lato più intimo e personale di me e un aspetto della mia produzione artistica che non tutti conoscono.

Il 14 febbraio uscirà il tuo nuovo disco che prende appunto il titolo dal brano che porterai sul palco dell’Ariston. Come mai hai deciso di intitolarlo così?
Ho deciso di intitolare il disco “Viceversa" perchè, a fine lavoro, mi sono accorto che c’era una sorta di filo conduttore all’interno del mio lavoro che è poi il messaggio del brano che porterò sul palco dell’Ariston. Ossia il tentativo di capire chi sono in un confronto tra la dimensione intima e la collettività in un inevitabile equilibrio a cui aspiro.

Che brano porterai nella serata delle cover?
Nella serata delle cover del Festival canterò “L’Italiano” del grande Toto Cutugno.
Ho scelto “L’Italiano”, tra i brani che han segnato la storia del festival, perchè la reputo una bella canzone. La sento vicina a me e, in un certo qual modo, accostabile ad Occidentali’s karma  perchè è un brano che ha avuto un successo nazionale e internazionale importante ma è stato percepito più per la sua dimensione nazional popolare mentre credo nasconda una lettura più profonda  legata ai retaggi dell’italianità che valevano nell’83 ma che, in un certo senso, penso possano essere considerati ancora oggi attuali.

Torni al festival per vincere?
Non torno al Festival con l’ambizione di voler vincere. La cosa a cui tengo maggiormente è portare un brano sincero ed emozionare. Vorrei la mia canzone arrivasse e fosse compresa. - (PRIMAPRESS)