Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Stretta di vite alle auto inquinanti con una tassa da 1.100 a 2.500 euro

Stretta di vite alle auto inquinanti con una tassa da 1.100 a 2.500 euro
(PRIMAPRESS) - ROMA - Stretta di misure per le auto inquinanti. L’ecotassa non riguarderà solo l’introduzione di una tassa sui grandi Suv ma incentiverà con un Bonus fino a 6.000 euro chi acquista un'auto ecologica, rottamando un vecchio veicolo mentre vigerà un malus fino a 2.500 euro per chi ne prende una inquinante. Arriva la modifica all'ecotassa, con un emendamento dei relatori al ddl bilancio depositato in commissione Bilancio al Senato. Malus da 1.100 a 2.500 euro per chi acquista auto inquinanti Da 1.100 a 2.500 euro: tanto dovrà sborsare chi dal primo marzo 2019 comprerà un'auto 'inquinante'. Quattro le soglie previste, che toccano anche macchine non di lusso: per i veicoli che emettono da 161 a 175 Co2 g/km, l'imposta è pari a 1.100 euro; il contributo sale a 1.600 per la fascia 176-200 Co2 g/km e si innalza a 2.000 per la fascia 201-250 Co2 g/km. Il conto più salato è per i veicoli che superano i 250 Co2 g/km ed è pari a 2.500 euro. Lo prevede un emendamento alla manovra presentata dai relatori. Secondo un elenco stilato da Quattroruote nella prima fascia di veicoli rientrano anche i modelli Qubo, Doblò e la 500 L Cross della Fiat. Presenti nella lista anche veicoli Alfa Romeo, tra cui la Giulietta, e molto modelli Bmw, Jaguar e Ford. Bonus fino a 3 mila euro anche per i motorini elettrici Per l'acquisto di motorini elettrici o ibridi si potra' contare su un bonus fino a tremila euro. E' quanto prevede uno degli emendamenti dei relatori alla manovra depositati in commissione Bilancio al Senato. La misura e' destinata a chi rottama un veicolo di cui si e' "proprietari da almeno 12 mesi" e prevede appunto "un contributo pari al 30% del prezzo di acquisto fino a un massimo di 3.000 euro nel caso in cui il veicolo consegnato per la rottamazione sia della categoria euro 0,1,2". - (PRIMAPRESS)