Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

L'iconica Suzuki Jimny entra nelle finaliste del World Urban Car Award

L'iconica Suzuki Jimny entra nelle finaliste del World Urban Car Award
(PRIMAPRESS) - GINEVRA - E’ l’alchimia delle forme, di quel design che dosa proporzioni e volumi, curve o rigore delle linee a lasciare il segno nell’estetica dell’automotive fino a spiegare che probabilmente icona si nasce. E’ il caso della Suzuki Jimny che incurante degli anni entra a far parte delle tre finaliste che concorrono al titolo di World Urban Car e World Car Design 2019, all’interno dei World Car Awards. La vincitrice il prossimo 17 aprile al New York International Auto Show.
Si direbbe che Suzuki ci ha preso gusto: dopo i successi di Ignis e di Swift, candidate tra le tre finaliste nella categoria World Urban Car rispettivamente nel 2017 e nel 2018, ecco gettare l’ennesima sfida, questa volta con l’iconico Jimny. Il suv completamente rinnovato ha, infatti, superato il primo e il secondo turno di votazioni ed è tra i primi tre in lizza per il World Urban Car 2019 e World Car Design 2019.
Il nuovo Jimny  ha una linea di grande personalità, che mantiene le proporzioni e i tratti distintivi dei suoi antenati. I tagli netti delle lamiere, il parabrezza verticale e i fari tondi – oggi a led – sono un’eredità del passato che mantiene ancora tutta la sua validità. Con una lunghezza di soli 3.645 mm, una buona altezza da terra e sbalzi ridotti, Jimny vanta eccezionali angoli di attacco (37°), di uscita (49°) e di dosso (28°) ed è imbattibile nell’off-road come negli spazi stretti, complice anche un raggio di sterzata molto contenuto.
Anche dal punto di vista tecnico, il progetto  rispetta la tradizione off-road ormai cinquantennale di Suzuki. Il solido telaio a traliccio è abbinato a sospensioni ad assale rigido, in grado di sopportare i colpi più duri e di assicurare sempre un buon contatto tra le ruote e il suolo. Il veicolo adotta la trazione integrale 4WD Allgrip PRO che consente di passare in breve tempo da due a quattro ruote motrici e di inserire le marce ridotte. In questo modo, e grazie anche al controllo della trazione LSD, al peso limitato e al generoso motore 1.5 a benzina da 103 cavalli, dovrebbe arrivare ovunque. - (PRIMAPRESS)