Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Kia Proceed, una station wagon dal look sportivo che morde l’asfalto

Kia Proceed, una station wagon dal look sportivo che morde l’asfalto
(PRIMAPRESS) - ROMA - Entrata di diritto nelle shooting brake, cioè le wagon sportive, la Kia Proceed si presenta con una sintesi tra family car a cinque porte ma con un tetto incurvato verso la coda che le conferisce un look da vera sportiva. Della generazione precedente, che era a tre porte ed è stata dismessa, conserva solo il nome. Infatti, il design deriva direttamente dalla conturbante ProCeed concept presentata al Salone di Francoforte del 2017: un genere di carrozzeria che trova poche rivali nel suo segmento di appartenenza. Lunga 4,6 metri, la vettura condivide con la Ceed la piattaforma K2 e il passo di 2,65 metri. Decisamente buona la capacità di carico del bagagliaio, pari a 594 litri. Dalla berlina coreana sono mutuati anche i propulsori: si parte dal turbobenzina di 1 litro da 120 CV di potenza massima, passando per il quattro cilindri di 1,4 litri e 140 CV, per arrivare al prestazionale 1.6 T-GDi della ProCeed GT da 204 CV. Per chi fa tanta strada, invece, c’è il turbodiesel 1.6 CRDi da 136 CV, disponibile anche con cambio automatico doppia frizione a sette rapporti. La ProCeed non vuole essere sportiva solo nell’aspetto perché le sospensioni ribassate di 5 mm e l’altezza ridotta di oltre 4 cm. ne fanno una vettura ben piantata sull’asfalto. Inoltre il sistema Torque Vectoring by Braking contribuisce a limitare i fenomeni di sottosterzo in curva e aumenta la motricità. All’interno la plancia eredita l’architettura delle altre versioni della famiglia Ceed: il sistema infotelematico prevede uno schermo da 7” o 8” a seconda degli allestimenti, ed è pienamente compatibile con smartphone. Curata la gamma di tecnologie dedicate a comfort e sicurezza, di serie o a pagamento: si va dal cruise contro attivo, capace di affrontare le code al posto del guidatore, al dispositivo che aiuta il driver a non superare le linee di corsia. Non manca il monitoraggio dell’angolo morto dei retrovisori, la frenata d’emergenza automatica con riconoscimento dei pedoni e il park assist. - (PRIMAPRESS)