Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Un bulgaro di etnia Rom l'omicida della giornalista Viktoria Marinova

  • di RED-ROM
  • in Mondo
Un bulgaro di etnia Rom l'omicida della giornalista Viktoria Marinova
(PRIMAPRESS) - SOFIA - Un uomo di 21 anni, bulgaro, è stato fermato a una quarantina di chilometri da Amburgo, nel nord della Germania,come sospettato per l'omicidio della giornalista bulgara Viktoria Marinova, stuprata e uccisa in un parco a Ruse, al confine con la Romania. L'uomo,nella cui casa sono stati trovati oggetti appartenenti alla giornalista, ha confessato, secondo quanto riporta una emittente tv.Si era rifugiato dalla madre che vive in Germania. Ieri era stato arrestato un romeno di 27 anni che poi è stato rilasciato. Colpita alla testa con un sasso e poi strangolata in un omicidio che le autorità avevano descritto come "particolarmente brutale". Inizialmente si era pensato ad un omicidio legato all'attività professionale della donna, conduttrice di un programma chiamato "Detector" sul canale Tvn Ruse dove si parlava di questioni sociali. Nella puntata dello scorso 30 settembre, infatti, aveva ospitato due gionalisti investigativi, il bulgaro Dimitar Stoyanov e il romeno Attila Biro, che stanno indagando sull'uso improprio di fondi europei e su un giro di corruzione nei paesi dell'Europa orientale. La puntata aveva fatto molto scalpore. E in tanti avevano pensato che l'assassinio fosse legato proprio a quella scomoda vicenda. Secondo le autorità, però, l'assassino potrebbe aver scelto la sua vittima a caso.
Il presunto killer, fermato nella notte in Germania, si chiama Severin Krasimirov, ha 21 anni ed è un cittadino bulgaro di etnia rom. La polizia, dunque, al momento esclude che il movente sia legato all'attività professionale della vittima. E' stato però notato che il giovane uomo, con precedenti penali proprio per stupro, veniva dalla Russia.
Nei giorni scorsi le autorità bulgare avevano già arrestato un sospettato, un cittadino rumeno, che però è stato poi rilasciato. L'inchiesta si è dunque focalizzata su quello che alcuni testimoni avevano descritto come un uomo fra i 20 e i 30 anni, arrivando all'identificazione del giovane rom, che è sposato ed ha un figlio, concentrandosi sul fatto che l’uomo avrebbe lasciato la Bulgaria il 7 ottobre per andare in Germania, dove vive sua madre. - (PRIMAPRESS)