Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Ritornano le tensioni tra Usa e Corea del Nord dopo il fallito vertice

Ritornano le tensioni tra Usa e Corea del Nord dopo il fallito vertice
(PRIMAPRESS) - WASHINGTON - Il dopo vertice senza soluzioni tra il presidente americano Donald Trump e il nordcoreano Kim Jong un, sembra aver azzerato le speranze di un accordo di disarmo. Alcune voci riportate dalla Cnn segnalerebbero che La Corea Del Nord potrebbe preparare un nuovo lancio di missili. Non si sa quanto queste “soffiate” abbiano valore più di una strategia politica che di una reale preoccupazione. Intanto, però, l'ex presidente Jimmy Carter si è offerto per fare da mediatore per cercare di risolvere lo stallo tra Usa e Nord Corea sui negoziati nucleari - come riporta l'Ansa. Movimenti in un sito, timori nuovo lancio Secondo l'Agi i satelliti hanno scattato nuove immagini a un impianto vicino a Pyongyang che fanno pensare che nella base ci siano movimenti. Il sito in questione è quello di Sanumdong, una struttura in cui la Corea del Nord ha assemblato alcuni dei suoi missili balistici intercontinentali. Le immagini scattate il 22 febbraio da DigitalGlobe e rilanciate in esclusiva dal sito web dell'emittente Npr mostrano auto e camion parcheggiati vicino alla struttura; si vedono anche i vagoni ferroviari su un vicino binario e due gru. Le foto seguono di pochi giorni altre immagini satellitari da cui si evinceva che era ripresa l'attività in un impianto di lancio sulla costa occidentale del Paese. La base, chiamata Sohae, nota anche come Dongchang-ri e Tongchang-ri, era stata utilizzato per diversi tentativi di lancio spaziale nel corso degli anni, l'ultimo nel 2016. Ma era stata parzialmente smantellata all'indomani del primo summit tra il presidente Usa, Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un nel giugno 2018, un gesto che all'epoca era stato interpretato come un segno di buona volontà del regime. Ma adesso, dopo il fallito secondo summit tra i due, quello di Hanoi, la musica sembra cambiata. - (PRIMAPRESS)