Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

I corpi del Nanga Parbat appartengono a Nardi e Ballard ma non potranno essere recuperati

  • di RED-ROM
  • in Mondo
I corpi del Nanga Parbat appartengono a Nardi e Ballard ma non potranno essere recuperati
(PRIMAPRESS) - ISLAMABAD (PAKISTAN) - La conferma che quelle due sagome avvistate sul Nanga Parbat, fossero i corpi degli alpinisti Daniele Nardi e Tom Ballard, arriva dal sopralluogo dell’ambasciatore italiano in Pakistan. Con un potente cannocchiale messo a disposizione da un altro nome dell’alpinismo internazionale, Alex Txikon, è stato possibile riconoscere i due corpi senza vita degli scalatori a poca distanza dalla loro tenda ad un’altezza di 6 mila metri. Non sarà possibile recuperare i corpi fino alla fine dell’inverno per l’impossibilità di operare con le avverse condizioni meteo. Non si sa ancora per quanto tempo quelle due giacche dai colori accesi riusciranno a farsi notare tra la distesa di neve che avvolge lo Sperone Mummery che i due alpinisti stavano cercando di superare. 
Che cosa sia accaduto è ancora tutto da stabilire o forse non si saprà mai visto altra neve tenderà a coprire i segni della tragedia.  L’auspicio della famiglia e di quanti hanno seguito la vicenda con angoscia è che almeno in primavera si possa tentare il recupero dei corpi.
Al momento le operazioni di recupero sulla parete Diamir sono state definitivamente sospese. - (PRIMAPRESS)