Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Splende il fashion italiano al Met Gala di New York con Gucci, Moschino e Versace

Splende il fashion italiano al Met Gala di New York con Gucci, Moschino e Versace
(PRIMAPRESS) - NEW YORK – A dare risalto al Met Gala, l’appuntamento di beneficenza con le star internazionali del cinema e della musica, promosso dal Costume del Metropolitan Museum of Art di New York, è stata senza dubbio l’Italia.
E certamente uno dei red carpet più importanti e attesi dell’anno, al pari della notte degli Oscar. L’appuntamento è alle ore 19 di oggi (ora americana) davanti al Metropolitan, sulla Fifth Avenue, dove sono attesi celeb, influencer, it girl, attori, magnati, modelle, cantati, imprenditori e altri personaggi del jet set internazionale (oltre 500 persone ogni anno) che percorreranno i 150 metri del tappeto rosso che conduce al museo sotto l’obiettivo e i flash di centinaia di fotografi. Il tema del Met Gala 2019 è il ‘Camp’ visto che la mostra s’intitola ‘Camp: Note on Fashion’. Il tema si ispira al saggio del 1964 di Susan Sontag che parla di come il concetto di ‘camp’, ovvero dell’utilizzo sfrenato del kitsch, rappresenta l’essenza della stravaganza, della teatralità e l’amore per l’eccesso. Insomma, i look saranno davvero originali. Le griffe italiane si aggiudicano il red carpet del Met Gala. Ieri sera sul tappeto (più rosa che rosso) della serata a più alto contenuto di celebrity e stilisti, le creazioni provenienti dagli atelier dei marchi italiani hanno battuto (per numero e testimonial) la concorrenza di brand americani e francesi. La maxi mostra ‘Camp: Notes on Fashion’ sarà aperta presso il Metropolitan Museum of Art a partire da giovedì e sarà visitabile fino all’8 settembre. Sarà difficile replicare il successo dell’esposizione precedente (‘Heavenly Bodies: Fashion and the Catholic Imagination’, è stata la più visitata di sempre), ma, a giudicare dalle irriverenti mise scelte dalle star, la nuova mostra ha già vinto in termini di spregiudicatezza. A spingere il made in Italy anche il fatto che Gucci è partner della mostra. Ad aprire il red carpet, infatti, è stato Alessandro Michele, direttore creativo del marchio, che ha sfilato accanto all’idolo delle teenager Harry Styles. Il brand di proprietà del gruppo Kering ha inoltre vestito le attrici Salma Hayek Pinault, Dakota Johnson, Saoirse Ronan e altre 20 star. Numerose anche le dive che hanno scelto di indossare le creazioni couture di Versace, tra queste la campionessa sportiva Serena Williams, l’attrice premio Oscar Lupita Nyong’o, la cantante Dua Lipa, le modelle-influencer Kendall e Kylie Jenner, l’inossidabile Jennifer Lopez. Oltre alle molte creazioni presenti in mostra, Moschino si è distinto per il suo rinomato status ‘camp’. Jeremy Scott, direttore creativo del marchio di proprietà di Aeffe, è arrivato insieme alla popstar Gwen Stefani. Targate Moschino anche Katy Perry, le attrici Tracee Ellis Ross e Sarah Paulson, la modella Bella Hadid e molte altr - (PRIMAPRESS)