Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

In vetrina a Firenze la moda uomo di Pitti Immagine. Il principe Carlo d'Inghilterra promuove The Compaign for Wool

In vetrina a Firenze la moda uomo di Pitti Immagine. Il principe Carlo d'Inghilterra promuove The Compaign for Wool
(PRIMAPRESS) - FIRENZE - Pitti Immagine Uomo che apre oggi  7 gennaio alla Fortezza da Basso nel capoluogo toscano, parla decisamente green e non poteva essere diversamente. L’ambiente e la sostenibilità dominano tutti i mercati almeno nelle parole e vedremo quanto lo sarà nei fatti. Alla rassegna fiorentina dedicato alla moda maschile persino il principe del Galles, Carlo d’Inghilterra ha dedicato un videomessaggio questa mattina al tema moda-sostenibilità salutando l’apertura del salone alla Fortezza. “I materiali naturali, non provenienti da combustibili fossili e naturalmente bio-degradabili, hanno un ruolo importante da giocare nell'enorme sfida del cambiamento climatico" e quindi è fondamentale che l'opinione pubblica cominci "a fare domande minuziose circa la provenienza ed il contenuto della moda attuale e di tutto ciò che viene messo nelle loro case", promuovendo così pratiche quotidiane di sostenibilità ambientale. Lo ha sottolineato Carlo d'Inghilterra, principe del Galles, in un videomessaggio trasmesso questa mattina in occasione dell'inaugurazione di Pitti Uomo 97, durante una cerimonia nel Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio a Firenze. Il principe Carlo ha inviato un saluto nella sua veste di patron di The Compaign for Wool, un progetto globale nato nel 2010 per sostenere l'utilizzo della pura lana ottenuta da coltivazione biologiche, come quelle che lui stesso mette in pratica nella sua tenuta di Highgrove,nella contea del Gloucestershire. Anche se ha il sapore di una promozione, tuttavia è innegabile che Il progetto intende incoraggiare la collaborazione tra produttori di lana, stilisti di moda e rivenditori ed educare i consumatori sulla qualità di questa fibra. - (PRIMAPRESS)