Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Arte orafa napoletana: "A Tazzulella e Cafè" diventa un gioiello con Giuseppe Botta by Kirò

Arte orafa napoletana: "A Tazzulella e Cafè" diventa un gioiello con Giuseppe Botta by Kirò
(PRIMAPRESS) - NAPOLI - Giuseppe Botta, noto orafo di Spaccanapoli, patron di Kirò Gioielli, ci è riuscito una seconda volta. Dopo il successo del braccialetto “Kazzimma”, creazione nata dopo le “famose” parole del patron del Napoli Aurelio De Laurentis sulla “cazzimma” napoletana che serviva perché la sua squadra giocasse meglio, nello stesso binario sulla “napoletanità doc” in senso esclusivamente positivo, sta riscuotendo apprezzamenti anche oltre i confini italiani con la sua ultima creazione, “A Tazzulella e caffè”, bracciale ispirato ad uno dei momenti classici e irrinunciabili della vita di un napoletano: il sedersi ad un bar per gustare una tazzulella di caffè moka.  Insomma "A Tazzulella e caffè", realizza il sapore dell'oro di Napoli nel simbolo della moka e delle due tazzine. Un prezioso e gradito omaggio al caffè, da sempre momento di condivisione e amicizia. E’ un bracciale interamente realizzato in argento 925, Moka con pomo diamante di 18Kt. Diamantini laterali alla Moka da 18 Kt. Edition Limited solo mille pezzi numerati. Non è un caso se uno dei capolavori del più noto dei moderni cantautori partenopei, Pino Daniele, decanta proprio la “tazzulella e cafè”. «Tra pochi giorni – ci spiega Giuseppe Botta, il titolare di Kirò Gioielli – ci sarà proprio un concerto tributo allo stadio San Paolo in memoria di Pino Daniele. Ed anche se la mia “Tazzulella e cafè” in realtà non è stata ispirata dalla sua canzone, mi piacerebbe regalare il bracciale a ciascuno dei cantanti che sarà sul palco del San Paolo giovedì prossimo. E soprattutto regalarlo anche ai familiari di Pino Daniele”. - (PRIMAPRESS)