Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Oggi la manovra passa all'aula della Camera ma è scontro con le opposizioni

  • di RED-ROM
  • in Italia
Oggi la manovra passa all'aula della Camera ma è scontro con le opposizioni
(PRIMAPRESS) - ROMA - La manovra economica che ci si sta accingendo a varare, probabilmente, sarà una delle più controverse della storia repubblicana. La commissione Bilancio della Camera ieri ha approvato,  senza non pochi malumori, con i voti della maggioranza M5s-Lega, il mandato al relatore sulla manovra mentre, ovviamente, Pd e Forza Italia hanno votato contro. Oggi il provvedimento è nell'Aula di Montecitorio. E anche qui non mancheranno gli scontri accesi: la questione è sempre la stessa perché il testo è stato inviato in Aula "senza discutere né votare" i circa 350 emendamenti che erano stati presentati alla legge di bilancio. 
Luigi Marattin, capogruppo Pd in Commissione Bilancio rileva come  come la manovra abbia alzato la pressione fiscale e diminuito gli investimenti e cosa più grave che viene approvata senza che i due rami del Parlamento abbiano potuto esaminarla. 
A indicare il clima in cui si sta approvando il provvedimento è stata ancora la bagarre in Commissione bilancio della Camera durante le risposte del ministro dell'Economia, Giovanni Tria, sulla manovra. I toni si sono alzati dopo che il ministro ha replicato alle critiche del Pd, dicendosi "massacrato" dalle accuse e attribuendo al precedente governo la responsabilità della situazione difficile sul fronte della finanza pubblica, delle clausole Iva e dei rapporti con Bruxelles ereditata dall'attuale esecutivo. Per la prima volta si è sentita la voce alterata di Tria da quando ha assunto il ruolo di ministro dell’economia.  - (PRIMAPRESS)