Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Aquarius: la diplomazia "twitt" chiama in causa Salvini in aula del Senato

  • di RED-ROM
  • in Italia
Aquarius: la diplomazia "twitt" chiama in causa Salvini in aula del Senato
(PRIMAPRESS) - ROMA - La questione Aquarius non solo è diventato un caso diplomatico ma ha messo in luce la fragilità dell’Unione Europea dinanzi alle grandi questioni che tengono insieme i paesi membri. Mentre i migranti verranno trasferiti a Valencia scortati da navi italiane. E mentre la polemica infuria in Italia (domani alle 11.15 Matteo Salvini riferirà in Aula al Senato), Francia e Spagna vanno all'attacco, accusando il governo Conte di irresponsabilità e cinismo. Interviene anche il presidente del Parlamento Ue, Antonio Tajani, parlando di situazione molto seria, che "mette a rischio l'intera costruzione europea". Il premier ungherese Orban, invece, elogia la posizione di Roma.In altre parole a dominare è la politica di schieramento dei singoli paesi ad animare i contrasti mentre è completamente assente la governance dell’Europa nel tentativo di soluzione di una questione che va avanti da anni. Un po’ di fondi messi a disposizione della Turchia e un occhio chiuso sull’Italia primo porto d’accesso ai grandi flussi migratori, ora i problemi arrivano come nodi al pettine. Sollecitati da un’Italia più avvezza ai twitt e a Facebook che alle comunicazioni diplomatiche tra Stati, ora, però, il bubbone sembra scoperto. E se si superassero gli hashtag e si iniziasse a governare con il capo eretto ma all’interno delle regole si eviterebbe anche che un presidente francese utilizzasse un linguaggio improprio per definire un paese membro di una stessa comunità. Sono le regole che che consentono di stabilire chi ha torto e chi ha ragione e non un messaggio affidato ai social. - (PRIMAPRESS)