Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Le dimissioni di Renzi e l'incarico a Martina alla segreteria del Pd: "saremo all'opposizione"

Le dimissioni di Renzi e l'incarico a Martina alla segreteria del Pd: "saremo all'opposizione"
(PRIMAPRESS) - ROMA - Matteo Renzi ha affidato ad una nota le sue dimissioni ufficiali dalla segreteria del Pd. Nota letta alla Direzione Pd iniziata in orario alle ore 15: è stata letta all’inizio la lettera di dimissioni ufficiale dell’ormai ex segretario, in cui si vede scritto «Caro presidente, preso atto dei risultati elettorali rassegno le mie dimissioni da segretario del Pd». Durante l’Assemblea Nazionale convocata per il prossimo 5 aprile Renzi spiegherà i motivi delle dimissioni e le ragioni di questa delicata fase congressuale aperta dopo la sconfitta alle Elezioni e l’uscita di scena dell’ex premier fiorentino. A quel punto ha preso parola Maurizio Martina, vicesegretario e di fatto nuovo traghettatore in pectore del Partito Democratico: «Sento innanzitutto il bisogno di riconoscere la scelta che il segretario ha compiuto dopo il voto, con le sue dimissioni, e voglio ringraziarlo per questo atto forte e difficile ma soprattutto per il lavoro e l'impegno enorme di questi anni». Poi il passaggio più interessante, quello in cui appunto annuncia il suo posto in prima fila nei prossimi mesi: «La segreteria si presenta dimissionaria a questo appuntamento. Ma io credo sia importante che continui a lavorare insieme a me in queste settimane che ci separano dall'Assemblea. Con il vostro contributo cercherò di guidare il partito nei delicati passaggi interni e istituzionali a cui sarà chiamato. Lo farò con il massimo della collegialità e con il pieno coinvolgimento di tutti, maggioranza e minoranze, individuando subito insieme un luogo di coordinamento condiviso. Chiedo unità. Consapevoli che fuori di qui c'è un'intera comunità che ci guarda, ci ascolta e ci chiede di essere all'altezza della situazione».
La lunga relazione di Martina ha poi riaffermato come non vi sono spazi o volontà per un’alleanza con M5s e Lega, e anzi le invita a prendersi le proprie responsabilità: «Alle forze che hanno vinto diciamo una cosa sola: ora non avete più alibi. Ora il tempo della propaganda è finito. Lo dico in particolare a Lega e Cinque Stelle: i cittadini vi hanno votato per governare, ora fatelo. Cari Di Maio e Salvini prendetevi le vostre responsabilità. Misureremo insieme ai cittadini le vostre coerenze, giorno per giorno, rispetto a quello che avete promesso facilmente e raccontato in mesi e mesi di propaganda senza limiti». - (PRIMAPRESS)