Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Segnali di distensione dalla Corea del Nord ma i media locali usano ancora titoli guerrafondai

  • di RED-ROM
  • in Mondo
Segnali di distensione dalla Corea del Nord ma i media locali usano ancora titoli guerrafondai
(PRIMAPRESS) - WASHINGTON - Il giorno dopo l’adesione all’invito per un incontro del leader nordcoreano Kim Jong-Un, il presidente Usa, Donald Trump pianifica quali dovranno essere i punti di un accordo di pace. Più di tutti in questa ripresa diplomatica è stata l’attività della Corea del Sud anche grazie alle mosse distensive avvenute durante i Giochi invernali di PyeongChang.
“L'accordo con la Corea del Nord richiede moltissimo e sarà, se completato, un accordo molto buono per il mondo. Tempo e luogo devono ancora essere decisi” a twittarlo è stato lo stesso  Trump. All’apparente clima di distensione, tuttavia, non sembrano allinearsi i media nordcoreani che continuano a ignorare la notizia della richiesta del leader Kim Jong-Un di un vertice con Donald Trump e anzi nei loro titoli d’apertura si trova ancora un atteggiamento di spirito bellico. Che l’atteggiamento dei media faccia parte di una strategia della Corea è possibile: da una parte dare la sensazione che sia sta aperta la via del dialogo ma dall’altra non si digeriscono le sanzioni che l’amministrazione americana non intende ancora togliere. Dal canto loro gli Usa si aspettano qualcosa in più di un invito orale e sopratutto passi concreti verso le denuclearizzazione. E su questo bisognerà che l’invito di Kim Jong-Un si trasformi in una data ed un luogo preciso per discuterne. - (PRIMAPRESS)