Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Hamid Ajbar Arab Flamenco, unica data italiana al Vo' on the Folks

Hamid Ajbar Arab Flamenco, unica data italiana al Vo' on the Folks
(PRIMAPRESS) - L’incontro tra la tradizione andalusa e quella araba in scena al Vo’ on the Folks 2018. Dopo il folk di matrice anglosassone dei 4Square da Manchester, sabato 17 febbraio arriva alla Sala della Comunità di Brendola (Vicenza) l’Hamid Ajbar Arab Flamenco, quartetto composto da due musicisti arabi e due spagnoli, protagonista del secondo atto della XXIII edizione della rassegna veneta diretta da Paolo Sgevano. L’ensemble di Granada presenta uno spettacolo che attinge a piene mani dalla musica classica dell’Andalusia (regione da sempre multietnica) e da quella più tradizionale araba. Due culture che hanno nella musica la loro più alta rappresentazione: una straordinaria fusione tra due stili che condividono un'origine comune, figlia del Mediterraneo. 

Originario di Chefchaouen (Marocco), Hamid Ajbar vanta prestigiose collaborazioni artistiche, su tutte quelle con Paco de Lucía, ma anche con José Mercé, Ana Reverte e Carmen Linares, solo per citarne alcuni. Senza dimenticare i grandi nomi della musica marocchina: Haj Abdelkrim Raïs, Mohamed Bajedoub e Bennis Abdelfattah.Grazie alla versatilità e alla bellezza della sua voce, ha vinto numerosi premi in Marocco, Turchia e Spagna e partecipato ai principali festival internazionali di world music, puntando sempre a diffondere la ricchezza della musica tradizionale Al-Andalus. Ovvero l’abbraccio tra le sonorità arabo-andalusa e il flamenco: un genere che trae ispirazione dal folclore iberico, dalle sonorità mediorientali, dal misticismo sufi e dai canti liturgici gregoriani.Sul palco, insieme ad Hamid Ajbar (violino  e canto arabo), troviamo Fathi Ben Yakoub - già al fianco di Enrique Morente e Michael Nyman - al violino,  Manuel Angel Mingarro Ocet alla chitarra e Alberto Funes al canto. Ad impreziosire ulteriormente la performance, unica tappa in Italia, la presenza della danzatrice spagnola Kika Quesada (direttrice dell’omonima compagnia e collaboratrice, tra gli altri, di Mario Maya, Joaquin Cortes e Cristobal Reyes) che dialogherà con i musicisti on stage. 

Organizzato dalla Sala della Comunità di Vo’ di Brendola e Frame Evolution, in collaborazione con l’assessorato comunale alla Cultura e la Cassa Rurale e Artigiana di Brendola, il “Vo’ on the Folks” rappresenta uno spazio privilegiato per la riscoperta e la tutela di preziose tradizioni musicali da conservare e tramandare, rilette in chiave contemporanea.I prossimi appuntamenti di questa edizione vedranno protagonisti, sabato 3 marzo, direttamente da Buenos Aires, la cantante Mariel Martinez accompagnata dalFabian Carbone Ensemble. Per la chiusura, il 17 marzo, doppio concerto dedicato all’irish music con il gruppo vicentino Folk Studio A e gli irlandesi Sirmione, trio composto dall’arpista e cantante Deirdre Granville e da due terzi dei Kern, ovvero Brendan McCreanor e Barry Kieran. - (PRIMAPRESS)