Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Bruno Mars conquista il Grammy Awards 2018 con sette nomination

Bruno Mars conquista il Grammy Awards 2018 con sette nomination
(PRIMAPRESS) - NEW YORK CITY - Una standing ovations ha accolto il vincitore dei Grammy Awards al Madison Square Garden con sette nomination. È Bruno Mars vincitore assoluto della sessantesima edizione dei Grammy, gli Oscar della musica. Il cantante ha vinto in tutte le categorie nelle quali è stato nominato, in un'edizione che verrà ricordata per aver portato sul palco il sostegno alle donne vittime di molestie, ai movimenti #MeToo e Time’s Up, nati a Hollywood in risposta allo scandalo Weinstein. Sostegno che è stato espresso con discorsi, con la scelta simbolica di indossare una rosa bianca (come ai Golden Globe avevano fatto le attrici scegliendo abiti neri) e che ha avuto il suo 'momento' con l’esibizione di Kesha. Il suo album Rainbow, uscito la scorsa estate e nominato nella categoria Best Pop Vocal Album, ha segnato il ritorno della cantante sulle scene dopo anni. Una resurrezione, più che un ritorno, dal momento che in quel periodo Kesha è stata impegnata nella battaglia legale, non ancora conclusa, contro il suo produttore, Dr Luke, che ha accusato di molestie fisiche e verbali. L'hanno accompagnata nella performance Camila Cabello, Cyndi Lauper, Julia Michaels e Andra Day e non Lorde, che un giorno prima dell’evento ha annullato la propria partecipazione, e nemmeno Taylor Swift, uscita da questa edizione con zero premi su due sole nomination. Lei che due anni fa, invece, trionfando con il suo 1989 come Best Pop Vocal Album, era stata protagonista grazie a un discorso dedicato alle donne che, con sacrifici, ottengono i loro risultati, e contro Kanye West, definito 'misogino' per le parole che le aveva rivolto nella sua Famous: "Ho reso quella puttana famosa". - (PRIMAPRESS)