Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

5G e talenti italiani: il nostro Paese al centro degli investimenti di ZTE

5G e talenti italiani: il nostro Paese al centro degli investimenti di ZTE
(PRIMAPRESS) - ROMA - Sviluppo delle nuove tecnologie, investimenti nel nostro Paese e formazione dei giovani: sono stati questi i temi trainanti dell’evento di presentazione di ZTE Italia, operatore leader nel settore delle telecomunicazioni, che s’è tenuto oggi a La lanterna di Roma.
85mila dipendenti nel mondo, un giro d’affari di 100 miliardi e un aumento del titolo in Borsa del 150% nell'ultimo anno: numeri impressionanti, quelli di ZTE, ai quali si aggiungono 100 milioni di euro di investimenti cin i quali sta chiudendo il 2017 e un ulteriore investimento di 500 milioni in programma da qui ai prossimi 5 anni.
In Europa, ZTE ha fatto del nostro Paese il suo hub europeo innanzitutto cambiando nome, e trasformandosi da ZTE Italy a ZTE Italia, proprio per confermare il ruolo strategico che l’Italia sta assumendo nei piani di sviluppo della multinazionale cinese, ed è passata in meno di un anno da 30 a 600 professionisti.
“A bordo della nostra squadra - ha dichiarato il ceo Hu Kun - vogliamo solo i migliori, gente che sia in grado di rispettare le nostre aspettative e di performare ai massimi livelli, in modo da offrire sempre i migliori risultati ai nostri clienti. Siamo orgogliosi di contribuire allo sviluppo digitale dell’Italia. Il 5G ridisegnerà il nostro avvenire”.

Xiao Ming, senior vice president ZTE, ha sottolineato come il “trend della digitalizzazione è un fenomeno avviato a livello globale che dobbiamo saper valorizzare al meglio delle nostre possibilità”.

Importanti anche le partnership con l’Università dell’Aquila e con quella di Tor Vergata, che hanno portato alla nascita di un “Joint Training Center” a Villa Mondragone e di un Centro di ricerca sul 5G per formare i futuri ingegneri delle telecomunicazioni. I poli entranno così a far parte di Zte University, un circuito mondiale che ha altri 15 centri in tutto il mondo, nato per fornire servizi di alta formazione per i clienti, per i dipendenti e per le società partner. Attualmente le attività della Zte University interessano quasi 500mila persone e più di 400 aziende in tutto il mondo.
All’evento erano presenti Zheng Xuan, vice ambasciatrice cinese, Hu Kun, Ceo ZTE Italia e Presidente ZTE western Europe, Jeffrey Hedberg, amministratore delegato di Wind Tre, operatore ai vertici della telefonia mobile e secondo nella telefonia fissa, Andrea Falessi, direttore relazioni esterne Open Fiber, Paola Inverardi, rettore dell’Universita degli studi dell’Aquila e Giuseppe Novelli, rettore dell’Università degli studi di Tor Vergata. - (PRIMAPRESS)