Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Il MIC ospita una retrospettiva del regista Marco Ferreri: da Ciao Maschio alla Grande abbuffata

La Grande Abbuffata
La Grande Abbuffata
(PRIMAPRESS) - MILANO - Una retrospettiva interamente dedicata al regista Marco Ferreri nel programma delle proiezioni dal 10 al 30 dicembre 2017 presso il MIC - Museo Interattivo del Cinema Fondazione Cineteca Italiana.  
Nato a Milano nel 1928 e morto a Parigi, città nella quale si era traferito, nel 1997, il regista milanese rappresentò un caso raro nel panorama del cinema italiano come regista di opere venate di sfumature grottesche, definite dal tratto tipico che fu la caustica “cattiveria” ferreriana.
Tra i titoli in programma: Ciao maschio (1978), Gran premio della giuria 1978 del Festival di Cannes; l’intramontabile (e anche il più noto) La grande abbuffata (1973) con Ugo Tognazzi, Marcello Mastroianni, Michel Piccoli e Philippe Noiret; La donna scimmia (1964), film emblema del grottesco ferrariano; La cagna (1972), tratto dal racconto Melampo di Ennio Flaiano e interpretato dal duo Deneuve-Mastroianni; Storie di ordinaria follia (1981), ispirato ad una raccolta di racconti di Charles Bukowski con Ben Gazzara e Ornella Muti e altri grandi film da rivedere sul grande schermo del MIC. - (PRIMAPRESS)