Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Minniti: "Approvare lo Ius Soli entro questa legislatura" ma il ministro non spiega il perché

  • di RED-ROM
  • in Italia
Minniti: "Approvare lo Ius Soli entro questa legislatura" ma il ministro non spiega il perché
(PRIMAPRESS) - ROMA - Il ministro degli interni Marco Minniti, in un forum del giornale l’Avvenire ha sottolineato l’importanza che la legge su “Ius soli” si approvi entro questa legislatura, anche senza correzioni. Il ministro nel suo intervento avvicina lo Ius Soli e lo Ius Culturae quasi senza far distinzione sui due profondi concetti che le dividono. Perché l’urgenza? Il ministro non chiarisce fino in fondo la necessità di dover far presto nonostante parte del paese sia contrario ad una approvazione dello Ius Soli senza un più strutturato progetto di  accompagnamento all’integrazione così come esiste una altri paesi del Nord Europa. Queste scelte sono essenziali per evitare il rischio delle radicalizzazioni terroristiche e la fretta non gioca a favore di scelte appprossimative e per giunta fatte da una maggioranza troppo fragile il cui senso di responsabilità potrebbe non essere quello idoneo ad affrontare una questione così importante.

”Quando parliamo di Ius soli e ius culturae", sottolinea il ministro, "non parliamo di migranti, ma di persone nate in Italia e che qui hanno compiuto un ciclo scolastico. Lo dico con nettezza: credo che si debba fare di tutto per approvarla, anche così com'è, in questa legislatura. Più difficile sarebbe correggerla, perché si accorcerebbero i tempi parlamentari per approvarla". "Sarebbe bene che la maggioranza resti unita", dice Minniti. "Tuttavia, una questione di principio così rilevante, su cui io mi sento personalmente impegnato, interpella il Parlamento e la coscienza di ogni singolo parlamentare". Si tratta di "un terreno vitale per i prossimi 15 anni. E potrà avere rilessi positivi nel contrasto al terrorismo di matrice integralista". Quanto al pericolo di attacchi nel nostro Paese, Minniti sottolinea che "il quadro della minaccia in Italia rimane alto. Non possiamo sottovalutare nulla". Sul tema dell'accoglienza, il responsabile del Viminale spiega che il suo obiettivo è "andare verso il superamento dei grandi centri d'accoglienza, superare Isola Capo Rizzuto, superare Mineo, per passare a strutture piccole e meglio gestibili". - (PRIMAPRESS)