Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Al CosmoBike di Verona, Fiab assegna le bandiere gialle ai Comuni Ciclabili

  • di RED-ROM
  • in Società
Al CosmoBike di Verona, Fiab assegna le bandiere gialle ai Comuni Ciclabili
(PRIMAPRESS) - MILANO - Saranno consegnate al Cosmo Bike della fiera di Verona (15 settembre 2017), le prime bandiere gialle che la Fiab, la Federazione italiana amici della bicicletta, assegnerà ai comuni ciclabili. L’iniziativa della Fiab, partita quest’anno, intende premiare i comuni bike friendly  che rispondono ad una serie di parametri che attestano il grado di ciclabilità.
Il riconoscimento "Comune Ciclabile" di FIAB attribuisce alle località un punteggio da 1 a 5, assegnato sulla base di diversi parametri e rappresentato da altrettanti "bike-smile" apposti sulla bandiera.
Belluno, Cannobio (VCO), Corinaldo (AN), Fano (PU), Ferrara, Giulianova (TE), Loano (SV), Parma, Pescara, Pineto (TE), Rimini, Sestri Levante (GE), Sulbiate (MB), Urbana (PD) e Vittorio Veneto (TV) - qui indicate rigorosamente in ordine alfabetico - sono le prime 15 realtà a essere insignite della bandiera gialla di "Comune Ciclabile".
Si tratta di città di dimensioni diverse, ubicate un po' in tutta Italia. "Comuni Ciclabili", infatti, non nasce con l’intento di premiare solo i comuni con lunghe lunghe piste ciclabili in piano, ma si propone, invece, di incentivare le amministrazioni ad adottare politiche a favore della mobilità ciclistica, premiare l'impegno di chi ha già messo in campo iniziative bike-friendly e valorizzare le località più accoglienti per chi si muove in bicicletta. 
Le bandiere gialle della ciclabilità italiana saranno rilasciate da FIAB anche nei prossimi mesi per il 2017 e in primavera per il 2018. Il comune che ambisce a ricevere il riconoscimento deve possedere almeno due requisiti tra tutti quelli richiesti: uno nell'area "infrastrutture urbane" (ciclabili urbane e moderazione traffico e velocità) e uno in almeno una delle altre tre aree di valutazione ("cicloturismo", "governance" e "comunicazione & promozione").
"Abbiamo riscontrato un grande interesse per il progetto Comuni Ciclabili e sono già un centinaio le amministrazioni che, a poche settimane dal lancio, hanno registrato sul sito la loro candidatura. Ricevere la bandiera gialla della ciclabilità italiana - dice Giulietta Pagliaccio, presidente FIAB - significa possedere uno strumento in più per la promozione turistica del proprio territorio, ma, soprattutto, dimostrare ai propri cittadini il positivo risultato di scelte politiche che favoriscono lo sviluppo di una mobilità sempre più sostenibile e rispettosa dell'ambiente e delle persone". - (PRIMAPRESS)