Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Rufus, il falco tesserato di Wimbledon che mette in fuga i piccioni dai campi in erba

Rufus, il falco tesserato di Wimbledon che mette in fuga i piccioni dai campi in erba
(PRIMAPRESS) - LONDRA - A proteggere le partite di tennis di Wimbledon dai piccioni e dagli uccelli che si possano sul campo in erba, è dal 2007 il falco Rufus. E’ lui a scovare gli uccelli che si annidano nei pressi del campo in attesa di posarsi sul manto alla ricerca di cibo incuranti dei campioni e dei match internazionali.

Rufus sorvola ogni mattina all’alba la zona e scoraggia ogni incursione da parte dei volatili. Il falco ha persino una tessera personale con foto di ingresso ai campi, sulla quale, alla voce “occupazione”, c’è scritto “spaventapasseri”. Ha anche un profilo su Facebook e 9000 followers su Twitter, ma non avendo tempo da dedicare ai social se ne occupa la sua proprietaria e allenatrice, Imogen Davis. La signorina Davis ha spiegato al Telegraph che il segreto per mantenere Rufus in perfetta efficienza è controllare costantemente il suo peso. Solo a un certo peso il falco è abbastanza motivato da cercare prede, ma non abbastanza affamato per mangiarsele. Davis è stato acquistato quando aveva solo sei settimane e subito portato a Wimbledon, che considera dunque il suo territorio di caccia. Allenarlo non è facile: “Non è come un animale domestico che ti segue perché gli piaci – ha detto Davis - . Se accetta la tua compagnia è solo perché ti riconosce come un elemento utile alla ricerca di cibo”.  

Rufus ha scacciato i piccioni anche dall’Abbazia di Westminster e ha partecipato a sceneggiati tv e a film. E’ diventato così famoso da essere persino stato rapito nel 2012 dall’auto di Imogen Davis, che è riuscita a ritrovarlo indenne tre giorni dopo. I giornali ne parlarono come se fosse stato sequestrato il più importante membro dell’Old England, e in un certo senso era proprio così. - (PRIMAPRESS)