Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Biowatching: una guida per osservare gli uccelli del Mediterraneo firmata dal naturalista Francesco Mezzatesta

  • di RED-ROM
  • in Ambiente
Biowatching: una guida per osservare gli uccelli del Mediterraneo firmata dal naturalista Francesco Mezzatesta
(PRIMAPRESS) - ROMA - L’eco-turismo cresce con un trend costante del 12% all’anno tanto da stimare  in oltre 15 milioni quelli che si muovono per parchi, aree naturali e zone umide. Più della metà di questi sono stranieri ma cresce di anno in anno l’interesse dei trekker di casa nostra e molti si stanno avvicinando al birdwatching, una pratica dell’osservazione degli uccelli che nella sola Gran Bretagna conta oltre due milioni e mezzo di appassionati. Ma tra le nuove tendenze più trasversali al mondo della natura si sta imponendo il biowatching, il turismo attivo che vede sempre più proseliti tra gli appassionati di natura che vogliono scoprirla camminando anche su tracciati impegnativi e con il rigoroso accompagnamento di un buon binocolo. Ad introdurre la nuova disciplina è stato Francesco Mezzatesta, naturalista e medico tra i promotori della prima ora della Lipu e con un curriculum di autore di testi apprezzati in tutto il mondo. Ultimo lavoro di Mezzatesta, per i tipi di Ricca Editore, è “Uccelli del Mediterraneo” con cui si apre la collana Biowatching diretta dallo stesso naturalista. La pubblicazione che contiene le illustrazioni di Lorenzo Dotti, è una vera guida all’osservazione di circa 400 uccelli stanziali e di passaggio per le migrazioni nel Mediterraneo. Nelle schede oltre all’immagine del volatile ci sono informazioni circa la famiglia di appartenenza, il nome volgare e scientifico, il nome in inglese, la mappa di distribuzione ed un testo descrittivo mentre una barra laterale colorata ne cataloga l’Ordine (segnalato in latino) al quale appartiene. La veste editoriale è di una guida tascabile ma che ha puntato sulla robustezza per accompagnare gli appassionati nei loro trekking. - (PRIMAPRESS)