Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

La sicurezza del territorio diventa hi-tech con i droni

  • di RED-ROM
  • in Tech
Il modello esacottero della Nimbus
Il modello esacottero della Nimbus
(PRIMAPRESS) - ROMA - Il controllo per la sicurezza del territorio potrebbe passare ad una fase di Innovation Technology grazie all’utilizzo dei droni. Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza hanno sperimentato in questi giorni l’impiego dei “sorveglianti volanti senza pilota” in attività di controllo del territorio.
L’attività è stata pianificata nell’ambito del tavolo tecnico costituito presso la Segreteria del Dipartimento della pubblica sicurezza e che verificherà le potenzialità e la strutturazione di questo servizio.
I droni utilizzati per la sperimentazione sono delle tre aziende certificate ENAC: Ids, Flytop e Nimbus che hanno aderito al bando pubblico per la fornitura di due tipologie di prodotto gli esacotteri e i quadricottero.
A pilotare gli aeromobili a controllo remoto sono stati i piloti della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, mentre rappresentati dall’Aeronautica Militare hanno curato le eventuali interferenze con le aviolinee sovrastanti la zona interessata alle prove.
La sperimentazione continuerà anche nei prossimi giorni testando nuovi scenari di controllo del territorio e di ordine pubblico. - (PRIMAPRESS)