Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Martin Shulz, il neo presidente dei socialdemocratici conquista il SPD senza rivali

Martin Shulz, il neo presidente dei socialdemocratici conquista il SPD senza rivali
(PRIMAPRESS) - BERLINO - L’elezione di Martin Shulz a capo dei socialdemocratici tedeschi ha qualcosa che da tempo non si vedeva più nella politica europea. Il cento per cento dei voti dei delegati è andato lui con un plebiscito d’altri tempi. Ha superato persino davanti a Kurt Schumacher, che aveva incassato il 99,7%. Il suo discorso al congresso straordinario della Spd è stato accolto da cinque lunghissimi minuti di applausi. Ciò che ha particolarmente entusiasmato la platea è sto il riferimento che l’ex presidente del Parlamento europeo ha fatto impegnandosi a rendere la Germania più equa: "Se non lo faremo noi, non lo farà nessuno". Schulz ha anche detto che "La Germania e l'Europa sono inseparabili" e che "dobbiamo ottenere un’Europa forte attraverso una Germania forte".

Il neo presidente socialdemocratico renderà noto il suo programma elettorale a giugno, ma già si è impegnato a mettere la parola fine, con l’aiuto dei sindacati, alla differenza tra gli stipendi delle donne e degli uomini ma anche quello tra le buste paga dell’Est e dell’Ovest. Shulz ha reso finora noti soprattutto gli aspetti sociali della sua agenda politica e ha fatto molto discutere con la proposta di rivedere l’Agenda 2010, la riforma del welfare che ha tagliato molta spesa sociale e ha contribuito a far ripartire l’economia tedesca, a metà degli anni Duemila. - (PRIMAPRESS)