Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

L'Italia del rugby affonda nel 6 Nazioni sotto la pressione dell'Irlanda (63-10)

  • di RED-ROM
  • in Sport
L'Italia del rugby affonda nel 6 Nazioni sotto la pressione dell'Irlanda (63-10)
(PRIMAPRESS) - ROMA - L’Italia del rugby dopo la sconfitta con il Galles non riesce a rialzare la testa che viene travolta dall’Irlanda per 63 a 10 nel torneo delle 6 Nazioni. Ieri per i 52 mila presenti allo Stadio Olimpico non si può dire che ci sia stato grande spettacolo perché in realtà la gara si svolta quasi interamente dominata dai “verdi”.

L'Irlanda ha mostrato sin dai primi minuti la sua superiorità tecnica mentre l’Italia è apparsa lenta e con poche varianti di gioco. Un deciso passo indietro dopo le buone cose mostrate nel primo tempo contro il Galles. L'Irlanda non ha dovuto nemmeno forzare troppo per aggiudicarsi le battaglie in mischia contro avversari purtroppo incapaci di imbastire una reazione davvero efficace. I 'Greens' riuscivano a conquista già nella prima frazione di gioco il bonus offensivo grazie alle quattro mete segnate (tre di Earls e una di Stander). All'Italia non bastava la meta tecnica concessa al 31' dall'arbitro Jackson con trasformazione di Canna, già a segno con un piazzato. Dopo l'intervallo era ancora dominio Irlanda, solida, concreta e cinica ad andare in meta in altre cinque occasioni (il man of the match Stander, tre di Girloy, Ringrose). Accenni di reazione azzurra si sono visti nella parte centrale del secondo tempo, ma ogni tentativo si infrangeva sul granitico muro del 'Trifogliò e da alcuni errori di handling. Disarmante invece la facilità con cui gli ospiti riuscivano a superare la difesa di casa. Non certo una buona notizia per O'Shea, atteso nella prossima giornata da un altro impegno proibitivo: nel tempo di Twickenham, contro l'Inghilterra rimasta a punteggio pieno dopo la vittoria in casa del Galles. Non certo l'avversario ideale per provare a risollevarsi dal fondo della classifica senza neanche un punto. 
"Abbiamo giocato contro una squadra che sotto ogni punto di vista oggi era migliore di noi - ha detto senza non poco imbarazzo il Ct Conor O’Shea in conferenza stampa - dobbiamo continuare a lavorare partendo da giornate come questa”. - (PRIMAPRESS)