Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Gennaro Cannavacciuolo alla Cometa con “Volare – omaggio a Domenico Modugno”

Gennaro Cannavacciuolo alla Cometa con “Volare – omaggio a Domenico Modugno”
(PRIMAPRESS) - ROMA - Per la terza volta e a grande richiesta, Gennaro Cannavacciuolo torna a Roma con lo spettacolo “Volare – omaggio a Domenico Modugno”, in scena al  Teatro della Cometa, dal 17 febbraio al 8 marzo 2015. Regia diMarco Mete, musiche eseguite dal vivo da: Marco Bucci – pianoforte, Claudia Della Gatta – violoncello, Andrea Tardioli – clarinetto e sax contralto. Per l’occasione, è stata approntata una nuova edizione. Questo spettacolo fu il primo in assoluto creato su Modugno, assieme a Modugno, nel lontano 1987; Modugno, infatti, ammirava molto l’allora giovanissimo Gennaro e gli concesse di mettere in scena un recital che ritraeva la sua vita artistica. Dopo una prima edizione, lo spettacolo rimase “nel cassetto” sino al 2010, quando fu riallestito più in grande, ma sempre in linea con la versione iniziale. Da allora, lo spettacolo ha girato l’italia e non solo celebrando le sue 350° repliche. E’ approdato a Barcellona, San Pietroburgo, Liegi, Tirana, Istanbul, in quasi tutte le regioni d’Italia ed ora tornerà nuovamente Roma. Definito dalla critica “un autentico gioiello”, lo spettacolo dal titolo “Volare” è tutto dedicato a Domenico Modugno: un tuffo emozionante nella storia della grande canzone italiana. Il recital di Gennaro Cannavacciuolo propone in una reinterpretazione personale le varie strade musicali percorse da Modugno. Nella prima parte, via con le canzoni dialettali e macchiettistiche, da “O ccafè” a “La donna riccia”, da “La cicoria” e “U pisci spada”, alla più famosa “Io mammeta e tu”; fino ai monologhi teatrali e al suggestivo dialogo tra madre e figlia tratto dalla commedia musicale. “Tommaso D’Amalfi” di Eduardo de Filippo, eseguito con l’apporto della voce registrata di Pupella Maggio che volle dare il suo contributo proprio a questo spettacolo. Nella seconda parte da atmosfera brechtiana, largo alle canzoni d’amore più famose lanciate da Modugno come “Vecchio frac”, “Tu si na cosa grande”, “Resta cu mme” e così via sino all’ormai inno nazionale “Nel blu dipinto di blu”, cantato e danzato a mo di Tip Tap alla maniera di Fred Astaire. Uno spettacolo coinvolgente che propone un alternarsi sottile di momenti comici e di alcuni più melanconici, di aspetti gioiosi e di suggestive evocazioni poetiche.
- (PRIMAPRESS)