Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Jessica Casula in arte J3S canta Io Che Amo Solo Te

Jessica Casula in arte J3S canta Io Che Amo Solo Te
(PRIMAPRESS) - jessica MILANO - Jessica Casula, in arte J3S, incuriositi dal fatto che ha reinterpretato un brano del 1962 l'abbiamo sentita. D: - Come nasce la tua passione per la musica?
Jessica: - Dico sempre che sono nata con la musica. I miei ricordi mi vedono piccolissima, forse a tre anni su un tavolo di un ristorante che cantavo e ballavo! Poco dopo ho iniziato a studiare danza classica, per poi dedicarmi totalmente al canto. A 15 anni il mio primo concorso con una cover di Patty Pravo, che ebbe un buon riscontro. Ma questo è stato solo l’inizio! Subito dopo sono stata chiamata per esibirmi nelle piazze Italiane, cantando in italiano e in lingua straniera le più belle hit radiofoniche di tutti i tempi, accompagnando e aprendo i concerti di cabarettisti di Zelig, e diversi cantanti. Sì, penso proprio che la mia passione sia nata così, tra la gente”! D: - Le tue diverse versioni (rock-dream, lounge & dance) di “Io che amo solo te” stanno conquistando il mercato discografico e la programmazione delle maggiori emittenti radiofoniche italiane. Da dove nasce il desiderio di reinterpretare un successo del 1962?
Jessica: - “Reinterpretare un successo come “Io che amo solo te” è nato dal desiderio di far conoscere questo capolavoro, alle nuove generazioni. Far riscoprire l’importanza delle nostre tradizioni musicali e della lingua italiana…Ultimamente un po’ trascurata. Tuteliamo il nostro Paese, quindi cerchiamo di consumare più musica italiana, mantenendoci negli standard delle novità europee”. D: - Alle spalle tanti anni di gavetta, tante piazze, tanti concorsi e tanti importanti incontri (Fabio Lisi, Caterina Caselli, Red Ronnie). Che ricordi hai?
Jessica: -“Ognuno di questi nomi ha per me un grande valore. Mi hanno insegnato a crescere e ad essere quello che sono! Con Fabio Lisi ho condiviso anni di Tour, fino ad arrivare a cantare canzoni scritte da lui per me. Mi conosce talmente bene, che riesce ad arrangiare ogni brano, alla perfezione e su misura! Red Ronnie lo considero il mio padrino ROCK! E’ stato il primo che ha visto ed ascoltato il mio primo inedito “Davanti a me”. Grazie a lui e al suo interesse per gli artisti emergenti, mi ha presentato Caterina Caselli. Lei in quell’occasione mi ha consigliato di cantare in lingua italiana e cercare di ascoltare il più possibile i brani del passato, un po’ vintage”. D Che consigli ti senti di dare a tutti i ragazzi che oggi vorrebbero intraprendere la carriera di Artista?
Jessica: - “Unitevi, formate un piccolo gruppo e suonate tutto! Cercate di essere sempre voi stesso. Chi vi sta ascoltando, deve percepire la Vostra passione. Dieci, cento, mille persone non fanno la differenza. La differenze la facciamo noi”!   - (PRIMAPRESS)