Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Una Pizza per l'Estate 2020: le 7 proposte estive pronte per l'home delivery

(PRIMAPRESS) - NAPOLI - Nel 2020  “Una pizza per l’Estate by Mulino Caputo” ha assunto una nuova veste (ed è stato il primo evento food ad anticipare questa novità), quella che passa attraverso la condivisone sui social media,  con il  tema dell’ home delivery.  I 7 pizzaioli, protagonisti dell’ottava edizione, ciascuno in collegamento dalla propria sede, hanno presentato le loro creazioni ad Antimo Caputo, Ad del Mulino, e al giornalista Giampaolo Trombetti, facendo consegnare, contestualmente, la propria pizza fumante in sede. Grazie a Facebook, Instagram e Youtube tutti i cibernauti, in Italia e all’estero, hanno potuto conoscere, apprezzare e iniziare ad assaporare con gli occhi le proposte per la prossima stagione estiva, in attesa di degustarle materialmente. Chi ha realizzato cosa? Vediamoli in ordine di apparizione: Salvatore Balzano, di Palazzo Vialdo di Torre del Greco, ha presentato la Pizza “Vialdo”, farcita con  fior di latte, vellutata di zucchine, code di scampi e zest di agrumi non trattati. Vincenzo Capuano, delle Pizzerie  Vincenzo Capuano di Napoli, si è ispirato alla cucina di sua nonna, dedicandole “Pizza Nonna Adele” con  vellutata di zucchine, stracciata di mozzarella, polpettine di zucchine, chips di fiori di zucca, basilico e olio extravergine di oliva. Ciro Oliva, della Pizzeria Concettina ai Tre Santi del Rione Sanità, ha puntato sulla semplicità dei prodotti di stagione con la “Pacchianella”:  un mix di pomodoro S.Marzano e datterino, olive nere di Gaeta, capperi, alici fresche, aglio, olio evo e origano. Sara Palmieri, giovane e talentuosa pizzaiola specializzata nel gluten free, ha optata per una pizza in teglia, realizzata con la FioreGlut di Mulino Caputo, che ha battezzato  “Fresca 3.0”:  una focaccia morbida farcita con mozzarella di bufala, zucchine alla scapece e tocchi di pancetta arrotolata. Il giovane Cristiano Piccirillo della Pizzeria Masardona, nel pieno rispetto della tradizione familiare, ha realizzato una pizza con una base di bruschetta fritta e farcita con mozzarella di bufala, pomodorini all’insalata e tartare di gambero, “La Masardona”. Errico Porzio, delle Pizzerie Errico Porzio di Aversa e Soccavo, nell’elaborare “Ricordi di infanzia”, ha attinto alla propria storia personale, proponendo  una farcitura di crema di zucchine, fiori di zucca, Fiordilatte di Agerola, cacio ricotta cilentana e sbriciolata di amaretto (secondo una delle ricette preferite da suo padre). Carlo Sammarco, della Pizzeria Carlo Sammarco 2.0, ha presentato “Tonno e Peperoncini verdi”, sulla quale spiccano peperoncini verdi, tonno fresco scottato, basilico, provola affumicata e un pizzico di pepe macinato, in uscita. “In questo momento il consumo della pizza vede nella consegna e nell’asporto una grande opportunità” ha dichiarato Antimo Caputo  “una abitudine da sempre diffusa a Napoli, ora di grande attualità e che rappresenta un modo per non rinunciare a gustare la nostra amata pizza. E’ per questa ragione che abbiamo voluto dedicare l’ottava edizione della manifestazione al tema della consegna a casa, che è anche un atto di fiducia negli altri, e che permette di mangiare un cibo buono. I pizzaioli hanno consegnato le loro proposte al mulino, così come la consegnano abitualmente a domicilio, garantendone  bontà,  fragranza e  qualità. Ci auguriamo per la nona edizione, nella primavera del 2021, di  tornare, come di consueto, a incontraci di persona, con i pizzaioli che lavorano spalla a spalla ai forni mentre si scambiano opinioni e consigli sulle nuove realizzazioni. Siamo orgogliosi di aver realizzato l’edizione di quest’anno con nuove idee e grazie alle tecnologie offerte dal web, mantenendo così la tradizione della manifestazione e permettendo ai pizzaioli di farsi conoscere sempre più. Una dimostrazione di come la condivisione e la coralità possano agevolmente superare le distanze fisiche, soprattutto quando sono supportate da una passione comune che, nel nostro caso, è il mondo della farina, dell’arte bianca e della pizzeria.” - (PRIMAPRESS)