Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 985
JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 1285
JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 1010

Sky Wine, dopo il grattacielo il borgo in collina di Sermoneta

(PRIMAPRESS) - ROMA – Ancora vino e ancora cielo, a mescolarli per il terzo appuntamento di Sky Wine ci penserà lo splendido borgo di Sermoneta e non più il grattacielo di Latina, sede delle prime due edizioni. L’evento si terrà sabato 30 e domenica 31 agosto, con inizio alle 17.30 e conclusione in tarda serata, e concluderà il calendario estivo degli appuntamenti promossi dal comune pontino alle pendici dei Monti Lepini.skywine rid Quest’anno non sarà quindi tanto l’ingegneria moderna ma l’estro antico di una città d’arte a rendere diversa dalle altre la manifestazione patrocinata dal Comune di Sermoneta e organizzata dall'Associazione Culturale Best Events. Sempre lo stesso comunque il territorio di riferimento, con un itinerario volto alla valorizzazione delle tipicità locali esaltate da location storiche di grande valore. Un modo per impreziosire la presentazione dei prodotti locali, il vino su tutto, considerati veri tesori delle terre pontine. Nel centro storico di Sermoneta la Loggia dei Mercanti, il Palazzo Caetani (già sede del Museo della Ceramica) e l'aula consiliare di Palazzo Americi (adiacente il Belvedere), saranno i capisaldi intorno ai quali ruoteranno i visitatori nelle due serate dedicate all'enogastronomia locale ma con ospiti illustri da tutta Italia. Decine le aziende che hanno dato conferma, dai noti Casale del Giglio ai crescenti Cincinnato e Carpineti della vicina Cori, per concludere con realtà di spessore come la Scuole Enologica di Alba e tanti altri. Banchi di degustazione, artisti, astronomi sulla terrazza del Belvedere e curiosità – come quella dei “vinarelli”, ovvero l’arte di dipingere con pigmenti a base di vino – saranno le basi di un appuntamento che mira a diventare il più importante a livello enogastronomico nella Provincia di Latina. Per due pomeriggi e fino alla sera migliaia di appassionati, muniti di tracollina e bicchiere come si conviene in queste occasioni, animeranno il borgo sede del magnifico castello. L’organizzazione si riserva poi di dare vita a sorprese che allieteranno i presenti tra arte, show-coking  e musica, sempre con il vino a fare da filo conduttore per un evento che si svolge a ridosso dell’imminente vendemmia. - (PRIMAPRESS)