Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Sequestro scarpe antinfortunistica: Assosistema Safety scrive al Mise per aumentare i controlli

Sequestro scarpe antinfortunistica: Assosistema Safety scrive al Mise per aumentare i controlli
(PRIMAPRESS) - ROMA - Il sequestro di 11.200 scarpe antinfortunistica non a norma al porto di Ravenna rimettono in discussione i sistemi di controllo per garantire la sicurezza dei lavoratori e il rispetto delle normative nazionali ed europee. Lo scrive Assosistema Safety, l’associazione che  in Confindustria rappresenta le aziende italiane che producono, distribuiscono e importano i Dispositivi di Protezione Individuale e collettiva. Dall’associazione di categoria parte un appello al MInistero per lo Sviluppo Economico per il potenziamento dei controlli interni e un coordinamento per rafforzare la presenza e la rappresentanza delle aziende italiane in Europa.
“Il sequestro di Ravenna ad opera dei finanzieri e dei funzionari doganali - dice Cesare Lucca, presidente di Assosistema Safety - conferma non solo il prezioso lavoro delle forze ispettive, ma anche la necessità di un’attenzione e una sorveglianza particolare sulla qualità dei DPI immessi sul mercato, in quanto protezioni indispensabili per la salute e la sicurezza dei lavoratori. Assosistema ha sottoscritto con l’Agenzia delle Dogane un Memorandum d’Intesa che prevede l’impegno dell’Associazione a collaborare con l’Autorità fornendo supporto operativo ai funzionari doganali e di formazione per poter riconoscere i DPI contraffatti rispetto alle normative vigenti e, pertanto, potenzialmente pericolosi per la salute degli utilizzatori finali.”  - (PRIMAPRESS)