Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Palazzo Chigi: sul Mes si dovrà esprimere il Parlamento. Oggi Conte riferisce alle Camere

  • di RED-ROM
  • in Ultimora
Palazzo Chigi: sul Mes si dovrà esprimere il Parlamento. Oggi Conte riferisce alle Camere
(PRIMAPRESS) - ROMA - Il vertice fiume sul Mes a Palazzo Chigi si è concluso dopo tre ore con una soluzione che non poteva essere diversa: “Ogni decisione - aggiungono le fonti di governo sentite al termine dell’incontro  - diventerà in ogni caso definitiva solo dopo che il Parlamento si sarà pronunciato a partire dalle risoluzioni che saranno approvate l'11 dicembre, in occasione delle comunicazioni che il Presidente del Consiglio renderà in vista del prossimo Consiglio Europeo”.
In vista della prossima riunione dell'Eurogruppo del 4 dicembre 2019 il Governo affronterà il negoziato riguardante l'Unione Economica e Monetaria (completamento della riforma del Mes, strumento di bilancio per la competitività e la convergenza e definizione della road map sull'unione bancaria) seguendo una logica di "pacchetto". "Tutto questo in linea con i punti 12) e 13) della risoluzione del Parlamento approvata il 12 giugno 2019". I punti 12 e 13 della risoluzione del giugno 2019, a firma Molinari-D'Uva (allora era in carica il governo M5S-Lega) impegnano il governo: "a promuovere, in sede europea, una valutazione congiunta dei tre elementi del pacchetto di approfondimento dell'unione economica e monetaria, riservandosi di esprimere la valutazione finale solo all'esito della dettagliata definizione di tutte le varie componenti del pacchetto, favorendo il cosiddetto «package approach», che possa consentire una condivisione politica di tutte le misure interessate, secondo una logica di equilibrio complessivo"; "a render note alle Camere le proposte di modifica al trattato Esm, elaborate in sede europea, al fine di consentire al Parlamento di esprimersi con un atto di indirizzo e, conseguentemente, a sospendere ogni determinazione definitiva finché il Parlamento non si sia pronunciato. La riunione era iniziata intorno alle 21,30 con il premier Giuseppe Conte, sono presenti i ministri Roberto Gualtieri (Economia), Stefano Patuanelli (Mise) e i capi delegazione Luigi Di Maio (M5S), Dario Franceschini (Pd) e Roberto  Speranza (LeU). Assente Italia Viva. 
Poco prima dell’incontro il premier Conte aveva scritto in un post su Facebook: "Domani alle ore 13 sarò alla Camera dei deputati per un'informativa sul MES. Potrete seguire il mio intervento qui sulla mia pagina Facebook".    - (PRIMAPRESS)