Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Nessuna traccia dei resti di Emanuela Orlandi in Vaticano: le tombe erano vuote

  • di RED-ROM
  • in Ultimora
Nessuna traccia dei resti di Emanuela Orlandi in Vaticano: le tombe erano vuote
(PRIMAPRESS) - CITTÀ DEL VATICANO - Ancora una delusione per la famiglia Orlandi che non fa un passo avanti nella ricerca della verità legata alla comparsa di Emanuela avvenuta nel giugno del 1983. Le due tombe all’interno del Vaticano su cui si erano appuntate le speranze di trovare, secondo, indiscrezioni, i resti della ragazza scomparsa, invece erano vuote. Di qui la delusione del fratello di Emanuela, Pietro Orlandi, al termine delle operazioni di apertura.
Oltre alla mancanza di resti umani, quello che colpisce di più è la presenza di una stanza in cemento armato sotto una delle due tombe. "Sotto una delle due tombe analizzate c'era la stanza e siamo scesi per andare a fare delle verifiche", ha spiegato l'avvocato della famiglia, Laura Sgrò. Tutto lascia pensare "che si tratti di un ambiente abbastanza recente e di certo incompatibile con una sepoltura dell'Ottocento", ha sottolinenato il perito di parte, Giorgio Portera. "C'è una stanza con una struttura in cemento armato e abbastanza recente - ha continuato il perito - assolutamente non compatibile con una sepoltura dell'Ottocento: questo è un dato oggettivo". La ristrutturazione del vano sotterraneo, circa 4 metri per 3,70, sotto la tomba della principessa Sophie von Hohenlohe "non era di 200 anni fa", ha dichiarato Pietro Orlandi spiegando che oltre a parti più antiche, vi erano pareti in cemento e non in calce.
"Pur essendo in un altro Stato mi sembra strano che non vi sia qualche documento che ci dica se lì c'era un corpo o se si trattava di una sepoltura in ricordo della principessa - ha affermato il perito -. Ci deve essere un documento o un incartamento ed è doveroso che venga condiviso anche con la famiglia Orlandi. Se non ci sono le bare è difficile dire se sia stato traslato qualcosa".
"È vergognoso che dopo 36 anni o per omertà, o per paura, o per utilità personale, chi sa, perché c'è chi è vivo e sa, non metta a disposizione degli inquirenti le proprie informazioni per dare finalmente giustizia ad Emanuela", ha tuonato il legale, Laura Sgrò. "Emanuela deve essere trovata e la risposta deve essere data non solo alla famiglia ma anche allo Stato italiano. Perché è una scomparsa legata a troppe vicende oscure di questo Paese. Chi sa qualcosa ci aiuti". - (PRIMAPRESS)