Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Bombe su bersagli civili di Idlib in Siria. Stoltenberg (Nato): "Bisogna intervenire"

  • di RED-ROM
  • in Ultimora
Bombe su bersagli civili di Idlib in Siria. Stoltenberg (Nato): "Bisogna intervenire"
(PRIMAPRESS) - IDLIB (SIRIA) - Un nugolo di bombe su Idlib la cittadina siriana al confine con la Turchia. Un attacco che secondo fonti dell’Unicef avrebbero fatto dodici vittime tra i bambini e altre tre tra gli insegnanti mentre i feriti sono 40. Si tratta di raid turchi su aree civili contro ogni regola, portati a segno a pochissima distanza dagli ospedali. 
L’inaccettabile spiegazione della Turchia è riferita alla loro perdita di almeno 33 soldati in uno scontro aereo avvenuto giovedì da parte del governo di Damasco col sostegno delle forze ribelli. Sul terreno di scontro sono rimasti anche i corpi di 16  soldati siriani. La Turchia avverte che se non ci sarà un no fly-zone si trasformerà genocidio a Idlib.  
La Nato ha convocato il Consiglio di emergenza per oggi Ankara ha chiesto, inoltre, l’avvio urgente alle consultazioni sull’escalation di violenza in Siria, ai sensi dell'articolo 4 del trattato di Washington con il quale ogni alleato può richiedere consultazioni se ritiene che sussistano minacce alla propria integrità territoriale indipendenza politica o sicurezza. Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg ha annunciato per oggi la convocazione del Consiglio del Nord Atlantico "Se non si farà nulla il rischio di un'escalation del conflitto in Siria aumenta di ora in ora", ha detto. Usa: Nazioni Unite avviino processo politico Dal Palazzo di vetro a New York – insieme all’alleato statunitense – una fonte afferma che "non esista una soluzione militare al conflitto in Siria e che l'unica soluzione sia un processo politico facilitato dalle Nazioni unite". Italia e Francia: inaccettabile la nuova offensiva a Idlib Da Napoli con la dichiarazione finale del vertice intergovernativo tra Francia e Italia il Presidente Macron e il Premier Conte chiedono l’intervento della Corte penale dell’Aja "è della massima importanza che gli autori di violazioni del diritto internazionale umanitario e del diritto internazionale relativo ai diritti umani debbano rendere conto dei loro atti”. I due paesi giudicano di fatto "inaccettabile" la nuova offensiva a Idlib. Europa: rischio confronto militare internazionale E anche dall’Europa l’Alto rappresentante Ue Josep Borrell affida a Twitter il suo commento: “C'e' il rischio di scivolare in un grande e aperto confronto militare internazionale”. - (PRIMAPRESS)