Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

In 400 uomini per scovare Cherif C. tra Francia e Germania. La rabbia dei cittadini di Strasburgo

  • di RED-ROM
  • in Ultimora
In 400 uomini per scovare Cherif C. tra Francia e Germania. La rabbia dei cittadini di Strasburgo
(PRIMAPRESS) - STRASBURGO - I 400 uomini impegnati per la caccia all’uomo che ha ucciso tre persone e ne ha ferite 11 al mercatino di Natale di Strasburgo, sono una risposta tardiva delle istituzioni francesi. E’ questa l’atmosfera percepita tra i cittadini a nord della Francia che sono rimasti attoniti dopo i fatti di ieri sera. Queste morti forse potevano essere evitate. L'uomo che ha sparato sulla folla, Cherif C. è un soggetto già identificato come "S" (persona radicalizzata e sorvegliata) era a piede libero in Francia. Adesso, mentre almeno 400 uomini gli stanno dando la caccia, emergono alcuni retroscena inquietnati sul suo conto. L'uomo aveva già subito almeno 20 condanne per reati comuni. Era stato in carcere in Francia e in Germania e proprio ieri mattina doveva essere arretstato nuovamente. Di queste due erano state per aggressione. In prigione nel 2016 era stato segnalato dall’antiterrorismo francese e indicato come ’fiche S’ per violenze e proselitismo religioso. Insomma tutte le informazioni in mano all'intelligence francese e alla polizia portavano nella direzione di una strage. Un gesto folle e feroce che ha provocato la morte per il momento di tre persone e il ferimento di altre 12. L'attentatore, beffa delle beffe, è fuggito per i vicoli e le strade di Strasburgo a bordo di un taxi. Ora la polizia gli dà la caccia su tutto il territorio nazionale. E alla mente torna la vicenda di Anis Amri, il terrorista dei mercatini di Natale di Berlino ricercato per giorni e poi ucciso dopo un conflitto a fuoco dalla polizia italiana a Sesto San Giovanni. Infine va sottolineato che il sottosegretario all'Interno francese, Laurent Nunez, invita alla prudenza: "La matrice terroristica non è stata ancora stabilita. Bisogna essere molto prudenti. L’assalitore non era conosciuto per reati legati al terrorismo. Durante la sua detenzione in carcere era stata segnalata una sua radicalizzazione. Per questo era sotto sorveglianza". Intanto due fratelli, il padre e la madre del sospetto attentatore di Strasburgo sono in stato di fermo. Uno di loro è schedato sempre come "S". Il killer però potrebbe essere già lontano e il ministero degli Interni francese non esclude che possa trovarsi già all'estero. Secondo le testimonianze sarebbe stato ferito ad un braccio. Le nuove ricerche dell'uomo si stanno concentrando in Germania, nella zona di Coblenza al confine con la Francia. Le ricerche sono in corso lungo 30 chilometri sul confine franco-tedesco. - (PRIMAPRESS)