Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Editoria: l'epopea dei Florio raccontata attraverso le loro navi in un libro di Paolo Piccione

  • di RED-ROM
  • in Editoria
Editoria: l'epopea dei Florio raccontata attraverso le loro navi in un libro di Paolo Piccione
(PRIMAPRESS) - PALERMO - Quella dei Florio è stata una delle epopee più avvincenti del XIX secolo e non solo in Italia perché le loro storie si sono intrecciate con regnanti e capitani d’industria, uomini d’affari e avventurosi gentleman driver, lasciando ovunque un segno evidente della loro potenza economica. Ma nella straordinaria bibliografia e vasta letteratura dedicata a questa famiglia calabro-siciliana, mancava un pezzo di storia significativa legata all’armamento e alla navigazione. A colmare questo gap ci ha pensato Paolo Piccione, storico della marina mercantile che con il suo libro “Le navi dei Florio”, edito da Nuova Ipsa, ha reso giustizia a quel periodo di splendore e lungimiranza di cui furono interpreti i Florio. La pubblicazione ripercorre la storia delle compagnie di navigazione fondate a Palermo da Vincenzo e Ignazio Florio: dai primi battelli a ruota ai grandi piroscafi transatlantici fino alle più moderne navi degli anni trenta. Non solo queste imbarcazioni resero più veloci le comunicazioni tra la Sicilia ed il resto d’Italia ma contribuirono a segnare le rotte transatlantiche del Nord America con servizi regolari di linea. Nelle “Navi dei Florio” c’è un capitolo dedicato anche agli yacht che sono appartenuti alla famiglia e che hanno rappresentato molto spesso cornici ideali per ospitare personaggi illustri protagonisti della scena oilitica ed economica tra il finire dell’800 e gli inizi del ‘900. Tra le immagini dell’epopea marinaresca dei Florio si ritrova una foto che ritrae Franca Florio con Sir Thomas J. Lipton, il magnate del the e della prima sfida di Coppa America. - (PRIMAPRESS)