Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Alitalia in profondo rosso: pubblicato il bando di vendita. Entro il 18 marzo le domande di interesse

  • di RED-ROM
  • in Aziende
Alitalia in profondo rosso: pubblicato il bando di vendita. Entro il 18 marzo le domande di interesse
(PRIMAPRESS) - ROMA - L’emergenza sanitaria da coronavirus ha accelerato il profondo rosso dell’Alitalia e il governo prova a metterla sul mercato pubblicando il bando per le manifestazioni di interesse per acquisire la compagnia in amministrazione straordinaria. Le domande dovranno essere presentate entro il 18 marzo alle 24. Il fallimento delle trattative del Mise che fino a pochi giorni fa aveva ancora creduto di poter trovare interlocutori affidabili, ora dovrà fare i conti con l’Europa che chiederà risposte sui due prestiti ponte da 900 e 400 milioni di euro che finiranno per ritorcersi sui contribuenti.
Il bando varato dal commissario Giuseppe Leogrande, indica le priorità che considererà privilegiate prima le offerte che avranno ad oggetto il Lotto Unico e successivamente quelle che avranno ad oggetto più di un Lotto”. Tradotto, l’amministrazione straordinaria spera di vendere in toto gli asset aziendali, ma i soggetti interessati potranno fare offerte anche per le singole attività di aviation, handling o di manutenzione, questi ultimi molto appetibili per i big di settore. Insomma, non è escluso lo “spezzatino”.
Tra i requisiti – per la divisione aviation – chi ha “realizzato negli ultimi tre esercizi sociali un fatturato lordo annuo medio di almeno 1 miliardo, con un patrimonio netto di almeno 250 milioni”. Per la divisione handling “un fatturato lordo pari almeno a 50 milioni e 25 milioni di patrimonio netto” e per la manutenzione “30 milioni di fatturato annuo lordo” e “15 milioni di patrimonio netto”. In linea generale è consentito, nel corso della procedura, “costituire e modificare cordate anche unendosi a soggetti che non abbiano manifestato interesse”. Ad offerte per singoli lotti che porterebbero a uno spezzatino saranno preferite “più offerte, interdipendenti, presentate contestualmente da più soggetti ma volte alla realizzazione di un progetto industriale sinergico, ovvero tra di loro indipendenti, ma risultanti comunque potenzialmente utili alla realizzazione di un progetto industriale sinergico”. Le offerte aventi ad oggetto il lotto unico dovranno in ogni caso assicurare la discontinuità, ancheeconomica, della gestione da parte dell’offerente. close.svg - (PRIMAPRESS)