Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Via libera dal CdM alla nomina di Paolo Savona alla presidenza della Consob ma si leva la protesta delle opposizioni

  • di RED-ROM
  • in Economia
Via libera dal CdM alla nomina di Paolo Savona alla presidenza della Consob ma si leva la protesta delle opposizioni
(PRIMAPRESS) - ROMA - Il Consiglio dei ministri dice si alla nomina dell’attuale responsabile del dicastero per gli Affari Europei, Paolo Savona indicato alla presidenza della Consob. 
Le deleghe agli Affari Europei potrebbero passare al Premier Giuseppe Conte. Il via libera a Savona è arrivato dopo l'intesa raggiunta tra Lega e M5S anche se questi ultimi sono stati reticenti fino all’ultimo per la preoccupazione di creare un impasse nel caso fosse eccepita la norma introdotta con la legge Frattini sul divieto di un politico in carica di andare a ricoprire un incarico ad un organo di garanzia come la Consob. 
Una preoccupazione che ha già visto l’opposizione alzare le barricate: “Il ministro Savona non può fare il presidente della Consob, il governo non può ignorare le leggi. Le ragioni di incompatibilità sono diverse”, dice Simona Malpezzi, vicepresidente del gruppo Pd al Senato.
Il ministro - sottolinea - ha lavorato fino a maggio 2018 per il fondo Euklid, quindi per un soggetto vigilato da Consob, in più risulta in conflitto con le leggi Madia e Frattini. Se il Cdm approvasse la nomina, pur in presenza di tali incompatibilità, ci troveremmo di fronte ad una situazione gravissima e senza precedenti”.  - (PRIMAPRESS)