Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

L'autonomia di Bankitalia rivendicata da Mattarella per la commissione d'inchiesta voluta da M5S e Lega

L'autonomia di Bankitalia rivendicata da Mattarella per la commissione d'inchiesta voluta da M5S e Lega
(PRIMAPRESS) - ROMA - C’è aria di frizioni tra il Quirinale e il vice premier Luigi Di Maio, su quello che rischia di diventare un caso “Banche” e sopratutto Bankitalia perché è richiesta una commissione d’indagine che indaghi sul loro operato. Di Maio è categorico sulla firma di un decreto per i truffati dalle banche e non accetta rinvii ricordando che "le scelte vanno fatte da chi ha i voti. Aspettiamo da giorni la firma". Il freno in questo caso è rappresentato dal ministro dell’Economia Tria, che sembrerebbe intenzionato ad aspettare un parere da Bruxelles. Su queste tensioni interviene anche Sergio Mattarella mostrando i suoi dubbi sulla creazione di una commissione d’indagine che non tutelerebbe l’indipendenza della Banca d’Italia.
Con l’Italia finita all’ultimo posto dei paesi UE secondo le società di rating, l’ipotesi di mettere sotto accusa il sistema non risulterebbe, probabilmente, una mossa vincente.
Il Quirinale vuole che la Banca d’Italia sia messa a riparo da ogni governo e la commissione, presentata da grillini e leghisti come la rivincita del popolo contro ’establishment’ e la Banca d’Italia, per di più guidata dall’ex conduttore della ‘Gabbia’, il 5S Gianluigi Paragone, impone un supplemento di riflessione. - (PRIMAPRESS)