Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Arte: la Fondazione Fendi porta a Roma “Le peintre et son modèle” di Picasso

Arte: la Fondazione Fendi porta a Roma “Le peintre et son modèle” di Picasso
(PRIMAPRESS) - ROMA - Dal prossimo 10 giugno arriva per la prima volta in mostra a Roma a palazzo rhinoceros il dipinto Le peintre et son modèle en plein air di Pablo Picasso dalla collezione Intesa Sanpaolo. Dopo il grande successo di pubblico e di stampa riscosso dalla Giovane donna del 1909, proveniente dall’Ermitage, la Fondazione Alda Fendi – Esperimenti rilancia e propone un dipinto del 1963 mai esposto nella Capitale e normalmente non visibile al pubblico. Prosegue così l’omaggio al genio malagueño che anticipa il 2023, “anno picassiano” nel cinquantenario della scomparsa del pittore.
Il dipinto è presentato al pubblico in una mostra intitolata Picasso va, Picasso arriva che viene allestita presso gli spazi espositivi di rhinoceros gallery all’interno di palazzo rhinoceros progettato da Jean Nouvel, un “quartiere nella città” dedicato all’arte e ispirato ai Passages di Parigi. La mostra è aperta fino al 16 ottobre, con ingresso libero. Picasso ancora una volta protagonista nel cuore della Roma monumentale, tra l’Arco di Giano e il Palatino. Grazie al mecenatismo di Alda Fendi tra febbraio e maggio di quest’anno il pubblico capitolino ha potuto ammirare Giovane donna, il ritratto della musa ispiratrice e compagna dell’artista, Fernande Olivier, custodito all’Ermitage di San Pietroburgo. Dalla scomposizione delle forme del cubismo analitico della Giovane donna si passa a una meditazione sul rapporto tra l’artista e il femminino. Il tema, portato avanti da Picasso nei decenni, trova nel quadro Le peintre et son modèle en plein air del 1963 una sintesi che assume, come scrive Francesco Tedeschi, “i valori poetici di un incontro con la natura, nel clima idilliaco di una moderna ‘pastorale’”. L’opera è il fulcro di un’installazione teatrale, che ruota intorno alle mille sfaccettature dell’universo picassiano. La mostra si svolge attraverso tutti i piani di rhinoceros gallery e attraversa l’intero palazzo rhinoceros. La Fondazione Alda Fendi – Esperimenti, con Raffaele Curi che ne traccia la linea artistica, dissemina e diffonde le sue interferenze inuna piattaforma espositiva multimediale, di cui Picasso è unico e assoluto protagonista. Pensando all’attività pittorica dell’ultimo periodo di questo artista rivoluzionario oltre la sua stessa rivoluzione, Raffaele Curi riflette: “Gli artisti falliti sono fuori dal gioco e Picasso prova l'ebbrezza negativa, ma sferzante, del fallimento, prima di essere glorificato per la sua scomposizione dell'immagine. Ardente e infuocato è il suo credere in una rivoluzione, mai tiepida, ma pirotecnica nell'ipotesi di una vita descritta a moduli geometrici, che diventano poesia apparentemente appunto fuori dal gioco”. Alda Fendi, mecenate ribelle, si fa promotrice di questa staffetta ideale tra i due dipinti e dichiara: “L’arte di Picasso è un grande omaggio al femminile. Le donne sono l’essenza della sua vita e della sua pittura. Fondamentale per lui è il rapporto con colei che è stata la sua prima mecenate, Gertrude Stein. Ancora più importante è il legame con le sue modelle. Dopo il ritratto cubista di Fernande, prestito eccezionale dall’Ermitage, arriva a Roma un altro Picasso mai esposto, una fantasticheria sul rapporto tra il pittore e la sua modella, che è anche una riflessione sulla storia dell’arte fatta da un artista che la storia dell’arte l’ha rivoluzionata. La Spagna, Parigi e Roma, legate nel segno unico di Pablo Picasso da un unico amore: la donna”.
Le peintre et son modèle en plein air, olio su tela del 1963, appartiene alla collezione Intesa Sanpaolo. L’opera è stata acquistata dal Banco Lariano, poi confluito in Intesa Sanpaolo, e proviene originariamente dalla Galerie Leiris di Parigi, che negli anni Sessanta trattava direttamente l’opera di Picasso.
La rappresentazione del nudo femminile all’aperto, in un contesto naturale, è un soggetto frequente nell’arte di Picasso fra gli anni Cinquanta e Sessanta, variazione del più generale confronto fra il pittore e la modella che accompagna la sua narrazione pittorica fin dagli anni Dieci. Il tema costituisce il punto d’incontro fra la riflessione sul mestiere del pittore, in dialogo con la storia dell’arte, e la rappresentazione del nudo femminile. Una sfida, sia per le possibili soluzioni nella raffigurazione delle pose e della loro combinazione con la forma spaziale, sia per i significati intrinseci al ruolo dell’artista.
Le peintre et son modèle en plein air del 1963 prosegue e riecheggia le meditazioni svolte da Picasso fra il 1960 e il 1961 attorno al Déjeuner su l’herbe di Manet. L’artista si misura con i suoi “maestri d’elezione”, per rivederne le soluzioni e reinterpretarle alla luce della sua personale assunzione in un “museo immaginario”. Così il celebre soggetto del quadro di Manet diventa spunto per una disgregazione e riaggregazione dei protagonisti, delle loro pose e del loro ruolo all’interno della composizione.
L’attenzione di Picasso si concentra attorno al nudo femminile seduto e all’uomo che lo osserva, in un dialogo che è di complicità e seduzione. Lo sfondo è ridotto alle predominanti dei verdi e dei blu, che vengono quasi appiattiti in uno spazio omogeneo, definito con il caratteristico tratto veloce e approssimativo del tardo Picasso. Bastano pochi accenni per le chiome degli alberi, un elemento triangolare per il parasole sopra il cavalletto, la sagoma del cappello, più da torero che da pittore. In questa semplicità si ritrova la capacità di Picasso di trasformare ogni gesto in un elemento significante. - (PRIMAPRESS)