Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

La Basilica di Collemaggio dell'Aquila conquista l'European Heritage Awards 2020 nella sezione "Conservazione"

  • di RED-ROM
  • in Cultura
La Basilica di Collemaggio dell'Aquila conquista l'European Heritage Awards 2020 nella sezione "Conservazione"
(PRIMAPRESS) - ROMA - La Basilica di Collemaggio, l’edificio religioso dell’Aquila, ha ricevuto, nella sezione “Conservazione”, l’European Heritage Awards/Europa Nostra Awards 2020 dalla Commissione Europea. Un restauro che – come precisato nelle motivazioni della giuria - “rappresenta pienamente la rinascita della città”, in cui “il senso profondo di spiritualità e la partecipazione della comunità al progetto devono essere considerati come parte integrante dell’impresa”. 
Interamente curato dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per L'Aquila e cratere, sia per la progettazione sia per la direzione dei lavori (affidata all’architetto Antonello Garofalo e alla storica dell’arte Biancamaria Colasacco), l'intervento ha interessato un luogo simbolo della città, devastato dal sisma 2009, con complesse lavorazioni di consolidamento, ricostruzione e restauro concluse in soli due anni. La Basilica è stata riaperta il 20 dicembre 2017 alla presenza del Ministro Dario Franceschini. L’intervento è stato interamente sostenuto da Eni. La fase di studio, analisi e progetto si è svolta con il supporto di esperti di tre Atenei italiani: Politecnico di Milano, “Sapienza” Università di Roma, e Università dell’Aquila.
Il dossier di candidatura predisposto dalla Soprintendenza ha voluto evidenziare non solo la qualità del progetto, del processo e della realizzazione ma anche il complesso e più ampio scenario in cui l’intervento si colloca: quello della ricostruzione post sisma che impegna la città dal 2009. - (PRIMAPRESS)