Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Con #scenedaunpatrimonio il Mibact fa partire un'iniziativa di Heritage Citizen Science

  • di Paolo Silvestrelli
  • in Cultura
Con #scenedaunpatrimonio il Mibact fa partire un'iniziativa di Heritage Citizen Science
(PRIMAPRESS) - ROMA - In pochi mesi, il lockdown forzato è riuscito a mostrare ad una platea molto più ampia di italiani l’enorme patrimonio culturale e monumentale di questo paese. Il Ministero per i beni e le attività culturali (Mibact) ha utilizzato lo strumento digitale per intrattenere e diffondere la conoscenza dei tesori italiani con una serie di iniziative. Ora arriva #scenedaunpatrimonio: come raccontare il patrimonio culturale e la sua storia attraverso le fotografie scattate dai cittadini nei loro viaggi. Qualcosa che potremmo definire come un Heritage Citizen Science. Infatti con #scenedaunpatrimonio si dà vita ad una forma articolata e sostanziale di partecipazione per collaborare alla costruzione di un progetto ampio e strutturato.
Carlo Birrozzi, Direttore dell’Istituto Centrale Catalogo Documentazione (ICCD): «credo all’idea del patrimonio culturale come un flusso continuo da fotografare nel suo scorrere; un bene vitale, una marea sempre in movimento che desideriamo rendere accessibile a tutti, accogliendo e restituendo il punto di vista di ciascun individuo che contribuisce a renderlo tale. #scenedaunpatrimonio è una delle leve strategiche su cui l’Istituto lavora instancabilmente da mesi per avvicinare il più possibile l’istituzione pubblica al territorio e alle persone, interagendo e restituendo valore attraverso il medium della fotografia. I ricordi e le fotografie consolidano e completano in modo semplice e partecipativo la visione collettiva sul patrimonio culturale italiano».
L’ICCD inaugura con questo portale un nuovo progetto sulla fotografia che si affianca alla sua missione istituzionale di conservazione e valorizzazione delle proprie collezioni fotografiche e di gestione del Catalogo generale del patrimonio culturale. Si intende in questo modo perseguire quella visione del patrimonio che, accanto alla dimensione oggettuale, vuole valorizzare anche la componente immateriale del bene culturale.
Un archivio pubblico che accoglie gli archivi personali dove ogni ricordo diventa un tassello in più per ricomporre un’idea ampia di patrimonio culturale, nonché testimonianza della storia del nostro Paese: un universo fatto di spazi pubblici, piazze, musei, opere d’arte, ma anche momenti di condivisione sociale e culturale come le processioni, le gite fuori porta, il made in Italy, ogni momento della vita quotidiana che ha per sfondo un monumento, uno scorcio delle nostre città o di paesaggio. - (PRIMAPRESS)