Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Lezioni di "Convenzioni" Unesco al Ciclo Classi Aperte della Fondazione del Mibact

  • di RED-ROM
  • in Cultura
Francesco Bandarin (UNESCO)
Francesco Bandarin (UNESCO)
(PRIMAPRESS) - ROMA - Il Ciclo Classi Aperte, organizzato dalla Fondazione Scuola dei beni e Attività Culturali in programma nella sala Crociera del MiBaCt, dopo le “lectio” del costituzionalista Michele Ainis e dell’eurodeputata Silvia Costa, si dà appuntamento giovedì 14 febbraio con Francesco Bandarin, vice Direttore Generale alla cultura presso l’Unesco per tracciare un quadro dell’assetto normativo dell’organizzazione presso le Nazioni Unite in tema di Convenzioni, Dichiarazione e Raccomandazioni.
Le lezioni si apriranno con un’introduzione di Carla Di Francesco, Direttore della Fondazione e già Segretario Generale MIBAC, e di Anna Marson, Membro del Consiglio Scientifico della Fondazione.
Bandarin affronterà il tema del rapporto con le politiche internazionali per lo sviluppo, dando in particolare rilievo all’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, un programma d’azione sottoscritto nel 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU su questioni importanti, tra cui la lotta alla povertà, l’eliminazione della fame, il contrasto al cambiamento climatico e la protezione dell’ambiente e dell’ecosistema che ci circonda. In questo quadro Bandarin affronterà anche il tema della Conservazione Sostenibile delle Città Storiche, un tema di particolare rilevanza nel panorama del dibattito culturale europeo (e italiano), che si inserisce in un panorama culturale e legislativo caratterizzato da importanti innovazioni nell’ambito delle politiche di conservazione, valorizzazione e gestione dei siti UNESCO, connesse in particolare alla Raccomandazione sul paesaggio urbano storico adottata nel 2011. Le nuove istanze riguardano l’implementazione di nuovi strumenti di gestione per i siti facenti parte della Lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità, e in particolare la necessità dei piani urbanistici di conservazione integrata delle città storiche all’interno dei Piani di Gestione. - (PRIMAPRESS)