Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

E' scontro tra VisitFlanders e Facebook sulla censura dei nudi dei grandi pittori fiamminghi

  • di RED-ROM
  • in Cultura
E' scontro tra VisitFlanders e Facebook sulla censura dei nudi dei grandi pittori fiamminghi
(PRIMAPRESS) - FIANDRE (BELGIO) - E’ scontro tra Facebook e VisitFlanders, l’ente del Turismo delle Fiandre sulla censura dei nudi d’arte nella rete. A pagare le spese di questo nuovo corso intrapreso dall’azienda social statunitense è uno dei grandi maestri della pittura fiamminga: Peter Paul Rubens. Seni, glutei e cherubini di Rubens vengono rifiutati dalle piattaforme filtrati dall’intelligenza artificiale che bolla come voce non accessibile i quadri che mostrano le nudità. Peter De Wilde, Ceo di VisitFlanders, dichiara di aver dato corso a questa iniziativa che si oppone alla censura artistica sui social media perché impensabile che l’eredità culturale degli artisti che hanno determinato la storia di secoli possa essere classificata come oscena. Con una lettera aperta inviata oggi a Zuckerberg, De Wilde chiede di trovare insieme una soluzione che non mortifichi la storia e l’arte e non facendo sparire i Maestri Fiamminghi dalla piattaforma. Vedremo nei prossimi giorni la risposta di Zuckerberg per comprendere quale sia stata la motivazione che ha spinto l’azienda verso questa impopolare decisione. Un atteggiamento simile era stato preso dal governo italiano durante la visita ai Musei Capitolini del presidente iraniano Hassan Rohani quando furono coperte da pannelli alcune statue. - (PRIMAPRESS)