Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

A scuola di valorizzazione del patrimonio archeologico con Massimo Osanna alla Classe Aperta del Mibact

  • di RED-ROM
  • in Cultura
A scuola di valorizzazione del patrimonio archeologico con Massimo Osanna alla Classe Aperta del Mibact
(PRIMAPRESS) - ROMA - Quarto appuntamento del Ciclo di Classi Aperte del Corso Scuola del Patrimonio 2018-2020 organizzato dalla Fondazione Scuola dei Beni e delle Attività Culturali del Mibact che vedrà, lunedì 18 marzo prossimo, nella Sala della Crociera del Mibact a Roma, la “docenza” di Massimo Osanna sul tema del rapporto tra tutela, ricerca e valorizzazione del patrimonio museale archeologico. Osanna, docente di Archeologia dell’Università Federico II di Napoli partirà dall’esempio del Parco archeologico di Pompei, di cui è stato direttore dal 2014 a gennaio 2019, per esplorare il rapporto tra tutela e valorizzazione, analizzando il ruolo della ricerca nel patrimonio come elemento capace di coniugare le diverse istanze legate alle politiche di gestione del patrimonio culturale. Massimo Osanna metterà a fuoco il fatto che per gestire un sito così complesso è necessario lavorare per la ricerca di un costante e delicato equilibrio tra gli aspetti di tutela, conservazione, valorizzazione e pubblica fruizione. E di come sia per questo inevitabile ripartire dalla conoscenza e dalla ricerca, cambiando prospettiva sul metodo e sull’approccio nel rileggere l’intera area archeologica, rinnovando e ampliando la documentazione fotografica, ridisegnando la nuova mappa del sito e sviluppando nuovi filoni di ricerca approfondita, avvalendosi delle metodologie contemporanee. La ricerca interdisciplinare permette ad esempio di utilizzare droni, georadar e laser-scanner negli studi che precedono gli scavi, oppure di avvalersi di esperti per studiare il DNA dei corpi ritrovati, permettendo di comprendere molti più elementi sulla società all’epoca in cui tutto si fermò. Pompei è un ottimo esempio per spiegare l’importanza di un approccio multidisciplinare nella ricerca archeologica. L’archeologo, per Osanna, non può operare da solo, ma deve costantemente confrontarsi con altri archeologi e con geologi, vulcanologi, paleobotanici, architetti, restauratori, storici dell’arte, ingegneri. È questo un approccio particolarmente caro alla Fondazione Scuola del Patrimonio, che attribuisce alla trasversalità dei saperi e al dialogo tra discipline un valore fondante per la costruzione dei nuovi profili di competenza nel settore dei beni e delle attività culturali. - (PRIMAPRESS)