Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Gina Perna nelle Polveri Condominiali di Tonino Di Ronza in ricordo di Franco Autiero

Gina Perna protagonista di Polveri Condominiali
Gina Perna protagonista di Polveri Condominiali
(PRIMAPRESS) - NAPOLI - Domani, domenica 10 marzo alle ore 18,00, al Teatro Area Nord, in via Nuova Dietro la Vigna, 20 a Napoli, untima replica di “Polveri Condominiali”, uno spettacolo con Gina Perna, diretto da Tonino Di Ronza, in ricordo di Franco Autiero. Amelia- Amalia (Gina Perna) si alterna in feroci e lucide considerazioni sull'umanità vomitando sul pubblico espressioni in dialetto vernacolare nella distorta lingua contaminata dal vivere sociale quotidiano in un microcosmo visionario/noire assurdo. “Recuperando la primitiva idea del monologo, che nel pensiero dell’autore non sono altro che angolazioni della stessa mente pensante —  scrive il regista la mia messa in scena vive attraverso l’unica protagonista, la paranoia ossessiva volta alla schizofrenia causata dalla sua misera esistenza vissuta nel suo angusto e claustrofobico territorio del condominio. Gabbia e prigione lo spazio buio e nero (scenografia di Chiara Carnevale e costumi Franchesca Liguori) di Amelia-Amalia, anticipatrice di luttuosi presagi, dove il filo conduttore delle storie che si intrecciano “vivono” nelle immaginarie polveri vaganti velenose che danneggiano e innervosiscono, restituendo al personaggio colore ed espressività. Ma tutto questo non si saprà mai, lasciando al pubblico le amare considerazioni di una esistenza vuota e priva di riferimenti e di speranze. Il lavoro sul testo prodotto da Gina Perna, collaboratrice e infaticabile attrice, elabora i vari personaggi esaltandone i caratteri con calibrata interpretazione. Lei stessa aggiunge, che nell’affrontare il testo r-iscopre nuove forme interpretative utili all’ attore a ricercare percorsi alternativi alla convenzione, ponendosi con rigore di fronte ad un testo complesso nella costruzione drammaturgica e dialettale”. “Le musiche (eseguite da Fulvio Di Nocera e Vincenzo Fiorillo) che incisivamente sostengono la drammaturgia - conclude il regista  si innestano nel brano “Aprite le finestre” interpretato da Franca Raimondi, come preludio alla vicenda trasformandosi in una metamorfosi compositiva dissonante e sottolineando l’ inquietudine e le emozioni scaturite dal personaggio. L’aspetto tecnico delle composizioni si avvalgono dell’utilizzo di effetti di ritardo, come il delay, valorizzando il dualismo di Amalia-Amelia”. - (PRIMAPRESS)