Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

E' tempo di concorsi di bellezza, alla Mostra d'Oltremare va in scena Miss Trans Europa

Stefania Zambrano
Stefania Zambrano
(PRIMAPRESS) - NAPOLI - Venerdi 12 e sabato 13 luglio alla Mostra d’Oltremare è in programma l’edizione 2019 di Miss Trans Europa, il concorso di bellezza e portamento ideato ed organizzato da Stefania Zambrano, da anni in prima linea nella battaglia a favore dei diritti per gay, lesbiche, trans, queer e gender non conforming, con la fattiva collaborazione di Luigi Papacciuoli. Un modo per trascorrere due giorni in piena allegria e divertimento, ma anche un pretesto per discutere e riflettere sui diritti del mondo LGBT. Circa 20 le concorrenti in gara, provenienti da tutta l’Italia e anche da qualche Paese europeo, che, animate da uno spirito competitivo, si scontreranno a colpi di grazia, fascino, sensualità, eleganza e ironia per aggiudicarsi la corona e lo scettro della Trans più bella d’Europa. La manifestazione sarà presentata da una vulcanica, simpatica e briosa Sofia La Papessa, che sarà coadiuvata dalla mediterranea Tilde Mendes, e vedrà come ospiti il cantante Ciro Muoio, Arianna Maravolo, Miss Campania 2018, l’opinionista Carmine Ruggiero, Sara Finizio, vincitrice dell’edizione 2018, Anna Brancati, attrice di Gomorra e agguerrita opinionista, il giornalista Antonio D’Addio, l’avvocato Ileana Capurro, presidente di Atn (Associazione Transessuale di Napoli), e Marzia Mauriello, docente di Antropologia Medica. La madrina dell’intera kermesse sarà la mitica Tarantina, l’ultimo ‘femminiello’ di Napoli, come ama definirsi, mentre il 13 ci sarà la bella musica neomelodica di Stefania Lay e il 14 la comicità di Rosalia Porcaro. Ospite d’onore Angelo Sanzio, il Ken italiano.
“Sono contenta e soddisfatta di questa mia creatura, che è anche un’occasione per parlare dei nostri diritti, dell’omofobia e trans fobia, del bullismo e delle cattiverie che sono ritornati nei nostri confronti, quest’anno parleremo anche della Chiesa, dei sacerdoti e delle loro ipocrisie, auguro una vita serena per noi che abbiamo già tanto sofferto!” – ha dichiarato Stefania Zambrano, organizzatrice, da sempre attiva a favore del mondo LGBT, attrice cinematografica e teatrale, protagonista del film La Parrucchiera di Stefano Incerti e di un documentario realizzato da Michele Santoro.
Molte protagoniste del concorso, in questi ultimi anni, hanno conquistato un posto fisso nel mondo dello spettacolo. E’ stato difficile, Stefania, far diventare Miss Trans Europa un ‘marchio’ di qualità?
“L’idea di lanciare il marchio Miss Trans Europa si è rivelata vincente. Tante ragazze, sia le miss che le finaliste, hanno partecipato a fiction e sono state protagoniste di ospitate in tv”.
Nei giorni del concorso si chiuderanno in contemporanea le Universiadi a Napoli. Credi che il mondo dello sport sia aperto e sensibile alle problematiche del mondo LGBT?
“E’ bello che la mia Napoli sia stata scelta per le Universiadi. Ti confesso che ho tanti amici gay che sono nel mondo dello sport e spesso si nascondono e chiedono alle ragazze trans di andare a cena insieme. Basta con le ipocrisie, guardiamo avanti, siamo nel 2019, dateci il diritto di vivere come vivono tutti. Ci sono donne che fingono ancora di avere il fidanzato come copertura e amano un’altra donna. Basta nascondersi, vivete quello che siete, tutte insieme siamo una forza e dobbiamo abbattere questo tabù e uscire tutte vincenti”.
Quali sono gli obiettivi personali e quelli artistici che proverai a raggiungere nel prossimo futuro?
“Il mio sogno è quello di adottare un bambino. E’ una battaglia molto grande da affrontare ma io non mi fermo, spero solo che non mi facciano diventare troppo vecchia. Io è da tempo che cerco un amore pulito, un amore che mi riempia le giornate. Vorrei tornare a casa la sera e avere un figlio mio da crescere, nessuno mi potrà togliere il diritto di educare e amare un bimbo. Anche i single hanno il diritto di adottare un figlio”. - (PRIMAPRESS)