Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

La Versatile Creazione di Dio, alla sala Molière lo spettacolo scritto e diretto da Cetty Sommella

(PRIMAPRESS) - NAPOLI - Presentato dall'Associazione Culturale “10 Mondi” arriva alla Sala Molière di Pozzuoli, lo spettacolo scritto e diretto da Cetty Sommella “La Versatile Creazione di Dio”. Portato nella storicizzata sala del viale Bognar, con l'allestimento di Nando Paone e della stessa Sommella, il lavoro resterà in scena dal 20 al 23 febbraio (giovedi-sabato ore 21- domenica ore 18.30) Con i bravi attori Marco Sgamato, Marcantonio Capoluongo, Matteo Biccari, Mariagrazia Buono, Vittorio Nastri, Serena Iencarelli, Francesco Guardascione, Francesco Piciocchi, Roberta Cuozzo, Roberto Riccio, Angela Causa, Sara Grande, Dalila Rinaldi e Gianni Caruso e ancora, le scene di Rosario Zaccaria, lo stesso che firma anche i costumi insieme a Veronica Grossi e l'aiuto regia di Francesco Guardascione, la commedia si sofferma sull'intricato tema della diversità umana. "Lo spettacolo - afferma l'autrice e regista Cetty Sommella - pone l’obiettivo sulla bellezza delle diversità che, nelle sue così svariate e variopinte espressioni, affolla il nostro mondo. La vicenda si svolge in casa di tre amici gay che vengono visitati dai loro conoscenti: una trans vittima di violenza, una coppia di lesbiche che ha adottato una bambina, anch’essa “particolare”, un ragazzo di colore, un handicappato mentale e infine, un uomo vittima di una mutazione genetica congenita. Insomma, una vasta gamma di esseri che la società moderna identifica erroneamente e ciecamente come 'diversi' e si ostina a emarginare e bistrattare, in un turbillon di accadimenti e situazioni toccanti, emozionanti e vivaci. Il tutto giocato sul filo della leggerezza e della comicità mai gratuita, mai volgare e fine a se stessa, regalandoci un grande esempio di integrazione". - (PRIMAPRESS)